Skin ADV




Gaffe Apple: digiti Vesuvio e suggerisce ”lavali con il fuoco”


apple_iphone_Apple Italia al centro di una polemica scaturita dopo una denuncia di Radio Kiss Kiss Napoli in cui è stato fatto notare che su Iphone e Ipad, utilizzando Whatsapp e Messenger e digitando la parola Vesuvio esca tra i suggerimenti la frase “lavali col fuoco”.

Indignazione del popolo napoletano che si è sentito offeso da questo bizzarro “bug” della Apple. “Voglio lanciare un hashtag molto grave – ha detto Valter De Maggio, direttore della stazione radio napoletana- dobbiamo far sovvertire una cosa che abbiamo scoperto. Per i possessori di un sistema Apple accade che quando si apre WhatsApp o Messenger e si inizia a scrivere un messaggio, la Apple dà dei suggerimenti. Abbiamo provato a digitare ‘Vesuvio’ e come suggerimento non c’è ‘Napoli’, ma ‘Lavali col fuoco’. Apple deve modificare questi suggerimenti”.

L’hashtah #AppleVesuvio è diventato subito virale diventando in pochissimi minuti Trending Topic. Mentre Apple Italia cerca di difendere la propria posizione sullo stesso social, da Napoli si annuncia una vera e propria istanza presso gli esponenti italiani dell’azienda di Cupertino per modificare l’algoritmo.

Fonte Il Giornale


Salerno Notizie
   
   


 

18 Risposta a Gaffe Apple: digiti Vesuvio e suggerisce ”lavali con il fuoco”

  1. ibrahimovic 11 gennaio 2017 at 19:16

    apple…santo subito

  2. Anonimo 11 gennaio 2017 at 19:38

    e mica è un errore…….è quello he pensa il mondo intero

  3. Campania 11 gennaio 2017 at 23:27

    A chi si nasconde nel messaggio lasciato alle 19:16
    SEI UN IDIOTA

  4. Antonio 12 gennaio 2017 at 08:40

    Anche sui dispositivi Microsoft da lo stesso risultato. Li schifa il mondo intero

  5. Anonimo 12 gennaio 2017 at 08:57

    Anche Google, provate a scrivere vesuvio poi uno spazio ed vedete che esce.

    Non e’ un errore, evidentemente e’ quello che trovano principalmente i motori di ricerca accanto alla parola vesuvio, il processo e’ automatico, non c’è intento.

  6. Ippocampo 12 gennaio 2017 at 09:57

    I soliti piagnoni…gnee gneeee gneee…sono gli stessi che dopo l’alluvione di Sarno esposero nella loro curva,nel derby contro la Salernitana, lo striscione”ALLUVIONE PORTALI VIA”…
    Io fossi in questi piagnoni inizierei a chiedermi perchè sono così mal sopportati nel resto d’Italia e nella campania rimasta felix,cioè da Napoli in giù.

  7. ibrahimovic 12 gennaio 2017 at 19:29

    x campania…vatte a ffà na camminata nta munnezza ca ssì

  8. NOI NON SIAMO NAPOLETANI! 12 gennaio 2017 at 20:13

    X Campania: C’è chi si nasconde alle 19:16? Parli proprio tu e la tua razza napoletana che vi nascondete da una vita!!!!!!
    Dammi retta solo il Vesuvio vi può salvare dalla misera vita che dovete fare!

  9. Che bel covo di frustrati 12 gennaio 2017 at 22:02

    Vi siete dati tutti appuntamento nei commenti a questo articolo . Bravi! Parlate con slogan da stadio triti e ritriti che danno la cifra del vostro spessore . Ci sono articoli dove si parla di una giovane vita spezzata che consente ad altra di continuare a vedere e nemmeno un commento . Invece basta un articolo dal taglio anti napoletano, che la redazione ha selezionato appositamente per darlo in pasto al suo lettore medio, ed ecco che puntuali arrivano i commenti di fini pensatori. Complimenti .

  10. X bel covo di frustrati 13 gennaio 2017 at 08:48

    Cosa c’entra tirare in ballo tragedie umane?Non ti vergogni?Non hai altri argomenti per dare un tono alla tua opinione?
    Il frustrato sei tu che commenti su un sito palesemente salernitano e ovviamente frequentato da salernitani e tifosi granata…il tuo posto è su napolinotizie dove potrai leggere tutte le cose belle che succedono in quella città.
    Sparisci.

  11. Anonimo 13 gennaio 2017 at 16:29

    O Vesuvio lavali col fuoco.

  12. Giggin o' compless 13 gennaio 2017 at 16:30

    Uanem re cafun!!!!
    Cosa non farebbero purché a Napoli qualcuno li conoscesse,ma da Posillipo all’Arenaccia dei cafoni nessuna traccia.

  13. Frustrato al cubo alias l'utente delle 8:48 13 gennaio 2017 at 18:23

    Sei di una pochezza imbarazzante . È un sito “palesemente salernitano” è quindi è lecito dilettarsi in insulti gratuiti ? Argomentazione che non lascia possibilità a repliche vista la sua pochezza. E poi la malafede evidente nel parlare di “tragedie umane” è tutta tua , esclusivamente tua. Esaltare la nobiltà estrema di un gesto d’amore è solo un riconoscimento al coraggio dei familiari di quella povera ragazza . Ma a te piace solo insultare, quindi puoi continuarlo a fare senza contraddittorio visto che ne ricavi una gratificazione onanistica .

  14. principatodisalerno 13 gennaio 2017 at 19:18

    anche su android c’e finalente! non siamo noi sono loro he sono napolecani!

  15. Antonio 13 gennaio 2017 at 20:35

    X Giggin o’ Compless
    E che dovremmo andare a fare a Posillipo o all’Arenaccia?
    Fino a prova contraria i cafoni siete voi che venite a Salerno in ogni momento dell’anno.
    A Napoli ci vado per altro motivi………sono buone le napoletANE 😉

  16. bitten 14 gennaio 2017 at 00:06

    Giggig si e’ fierr!!

  17. Adeline 14 gennaio 2017 at 12:30

    Ovunque si recano in vacanza i miei concittadini napoletani arrecano danni. Siamo sgraditi ovunque: nel Lazio, nel Cilento, a Roccaraso, a Scalea. La colpa non è di Google, poiché l’algoritmo fornisce in automatico le parole più ricercati dagli italiani. Quando vado al nord e dico che lavoro a Salerno si complimentano per il mare, la costiera amalfitana, e il Cilento. Quando dico che sono originaria di Napoli mi chiedono subito se c’è sempre la spazzatura in strada e come siamo messi con delinquenza e diossina. Vorrei tranquillizzare i miei concittadini partenopei che la colpa di tutto questo è soltanto nostra. Siamo noi con i nostri cantanti (vedi i mega concerti dedicati alla Malaterra), i nostri scrittori (vedi il best seller Gomorra), i nostri comici (vedi Made in Sud), i nostri film (vedi Serenata calibro 9) e i nostri cari concittadini che forniscono al mondo intero questo falso stereotipo di Napoli. Finalmente qualcuno ha cominciato a svegliarsi. De Magistris ha finalmente capito che occorre slegare l’immagine di Napoli e della Campania dall’idea di munnézza e mariuoli. Quando lo diceva De Luca lo chiamavamo razzista, adesso lo dice De Magistris ed è tutto normale. Va bene il lavoro dello scrittore di Casal di Principe, ma solo se finalizzato a risolvere i problemi. Anche De Luca negli anni 80 lamentava problemi a Salerno, solo che poi è stato anche in grado di trasformare e migliorare la città. Non si cambiano le cose solo con le lamentele, ma con la capacità di affrontare e risolvere le cose. Se poi dobbiamo parlar male di Napoli solo per vendere più libri, più concerti o aumentare lo share della serie TV Gomorra, allora è un altro discorso. Non ci lamentiamo però se al nord pensano queste cose di noi… siamo noi che gliele forniamo su un piatto d’argento! Ce la stiamo mettendo tutta per mantenere questo falso stereotipo.

  18. Giggin o' compless 14 gennaio 2017 at 16:53

    X Adeline:
    Puoi cambiare tutti i nik che vuoi….ti sgamo sempre!
    Truovt na femmen invece di pensare sempre ai napoletani.
    Mi raccomando al prossimo nik non dimenticare il babà polacco e il caffè piemontese,stai accis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Aggiungi una immagine