Salernitana, il DS Fabiani a LIRATV: “Gregucci è l’uomo adatto per questo spogliatoio”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Salernitana_Angelo_FabianiIl Direttore Sportivo della Salernitana, Angelo Mariano Fabiani è intervenuto telefonicamente nel corso di “Goal su goal” in onda su Lira Tv e subito è stato chiamato a commentare l’esclusione di Siniscalchi dalla rosa dei convocati nel ritiro di Roma: “Ci sono anche altri giocatori che hanno lavoro differenziato come Siniscalchi e che non sono stati convocati, stare lì a montare il caso mi pare superfluo. Siamo tutti sotto esame, i risultati ci danno torto a 360°: ognuno di noi deve assumersi le proprie responsabilità”.

Il ds si è soffermato sul cambio tecnico: “Ci dispiace abbia pagato Perrone, ma il calcio è anche questo. Dobbiamo cercare di raddrizzare questo trend negativo sperando di non commettere ulteriori errori. Ci dovremmo vergognare per determinate prestazioni. Non ci vedo nulla di positivo in quello che stiamo facendo, non mi ero illuso dopo la vittoria col Gubbio perché già quella gara era un campanello d’allarme”. L’attenzione si è spostata sul match di Pontedera: “Prestazione negativa generalizzata, non andrei a fare nomi. Dobbiamo raccogliere i cocci. Non tutto è da buttare il materiale umano in rosa”.

A chi gli ha chiesto i motivi della scelta di Gregucci, Fabiani ha risposto: “Bisognava trovare un allenatore che calzasse per lo spogliatoio, è stata l’unica scelta da parte della società, Angelo ha accettato senza battere ciglio. Lo conoscete bene, ha avuto un’altra esperienza a Salerno, vuole ricompattare spogliatoi, tifosi, ambiente e società. Mi dispiace se passa il messaggio che Perrone era il male della squadra. Non si possono cambiare 27 giocatori, ci sono state prestazioni non all’altezza di determinati calciatori, è stato un dato incontrovertibile. Si cerca di dare una scossa all’ambiente e di rigenerare l’ambiente partendo dall’allenatore”.

Sul mercato: “Non è facile fare operazione, quando la società a gennaio cambia tanti elementi significa che qualcosa non ha funzionato. Proveremo a rinforzare l’organico. Vi faccio un esempio: è naturale che, se ipoteticamente andassimo dal Pontedera a chiedere Arrighini, ci direbbero di no, lui gradirebbe categorie superiori o squadre meglio piazzate in classifica. Siamo riusciti a prendere questi Bianchi e Scalise dall’Ascoli per il momento societario particolare. Siamo riusciti a prendere Fofana che aveva voglia di venire a Salerno ed aveva poco spazio a Lanciano. Pestrin credo che non lo lasciano andare via così facilmente: vedremo cosa succederà. Un giocatore con le sue caratteristiche mentali potrebbe tornare utile, ma Perpetuini e Volpe potrebbero garantire un buon rendimento”.

Il ds prova a rispondere al quesito circa i perché dello stato difficile in cui versa la squadra: “Non sono un depositario delle verità del calcio. Non ho contezza dell’inizio del campionato, della preparazione. Mi sono reso conto di persona di quello che oggi sta accadendo in questo gruppo. Prima di venire a Salerno ne ho sentite di cotte e di crude. Un buon dirigente non deve mai andare indietro alle chiacchiere. Si fa fatica a pensare che se vengono meno sei o sette elementi a partita sia colpa degli allenatore. Andavano fatte delle riflessioni dopo i match contro Gubbio e Pontedera. Fino a questo momento non c’è stata la scintilla da Arechi, da squadra vera. Speriamo possa avvenire da un momento all’altro. Se si va nei play off sappiamo che è un mini campionato a sé. Sono uno che non molla mai, ci credo, altrimenti non sarei a Salerno. Non riscaldo le poltrone, mi piace essere propositivo ed avere questa mentalità”.

Poi Fabiani è tornato a fornire spiegazioni sull’avvicendamento in panchina: “Perrone è un gentiluomo, un allenatore del suo tipo non va bene per situazioni di questo genere. Ci affidiamo a Gregucci, di grande temperamento, un tecnico che trasmette motivazioni, mi auguro il gruppo assimili le sue direttive”.

Il ds ha proseguito parlando della piazza e dei tifosi: “Vedere i nostri tifosi abbandonare lo stadio prima della fine della gara è stato triste. Combattiamo insieme, stateci vicini, ne abbiamo bisogno, basta poco per cambiare. Questa piazza non condiziona le prestazioni dei calciatori, anzi. Salerno è una delle poche piazze d’Europa che ti trasmette una carica particolare. Ci sono tanti giornalisti, 4-5 emittenti, c’è una tifoseria attenta e che capisce di calcio. Lavorare a Salerno non è come a Moncalieri o a Carpi, bisogna vaccinarsi ed entrare nella mentalità.

Quando esci da Salerno come calciatore o dirigente puoi andare al Real Madrid, bisogna accettare critiche e applausi. Se troviamo punto di incontro fra queste due fasi siamo a metà dell’opera. Serve convinzione nei propri mezzi, la C1 non è la C2. E’ un campionato particolare, bisogna calarsi nella mentalità e correre”. A fine intervista, quando a Fabiani sono state evidenziati “comportamenti da dirigenti di determinati calciatori” e problemi nel gruppo, il ds si è limitato ad affermare un lapidario, ma eloquente: “Chi tace, acconsente”.

Chiusura ancora sul mercato e sulla rosa: “Se hai un organico con calciatori bravi tecnicamente, si potrebbe fare la differenza. Mi auguro che quanto prima la qualità tecnica, assieme alla forma atletica in crescendo, possa aiutare la squadra a risalire la china. La Salernitana non si può dire che non ha elementi: bisogna fare riscoprire loro il gusto di divertirsi e di divertire. Sono fiducioso. Se devo prendere oggi un portiere devo prendere un dodicesimo, non so come potrebbe rispondere. Se Buffon viene a Salerno, saranno contenti anche Berardi e Iannarilli di fare la panchina. I nostri due portieri stanno subendo anche loro questa metamorfosi negativa della squadra, ma sono certo che faranno vedere il loro valore”.

Trascrizione Granatissimi – Fonte LIRATV

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.