Scienza: scoperte proteine responsabili del tumore incurabile al cervello

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Cervello_uomoIl glioblastoma è il tumore del sistema nervoso centrale più frequente e maligno: al momento né la chirurgia né la chemio o radioterapia riescono a curarlo. Per questo è ancora più importante la scoperta di due particolari proteine che avviano e provocano la crescita del glioblastoma, realizzata nei laboratori della McGill University di Montreal in Canada e che vede come primo autore Alessandro Perin dell’ Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano. Secondo i ricercatori, queste due proteine “potrebbero divenire in futuro bersagli di nuove terapie antitumorali che mirino a disattivarle”. La scoperta è stata realizzata in collaborazione con l’Ospedale di Treviso, l’Istituto di genetica e biofisica di Napoli e l’Hotchkiss Brain Institute dell’Università di Calgary (Canada), ed è appena stata pubblicata dalla rivista Nature Communications. Come spiegano gli scienziati, le due proteine individuate “agiscono su uno specifico gruppo di cellule di differenti tipologie da cui parte lo sviluppo del glioblastoma e che ne costituisce il primo nucleo.


Tali cellule, tra cui vi sono anche le cellule staminali tumorali, hanno la capacità di portare allo sviluppo del tumore anche quando sono poco numerose. Proprio per tale ragione sono spesso la causa delle recidive di questa patologia anche dopo interventi chirurgici, radioterapia e chemioterapia”.

“Le due proteine – spiega Perin – si chiamano FOXG1 e Groucho/TLE, e come dei veri e propri interruttori accendono e spengono l’espressione e quindi l’azione di numerosi geni: per questo aver scoperto il loro ruolo apre a diverse possibilità terapeutiche. Tuttavia è importante sottolineare che, sebbene sia un passo importante, non è ancora una cura e che quindi andranno ancora sviluppati ulteriori studi prima di un eventuale applicazione in pratica clinica”.

Una curiosità: la proteina Groucho si chiama così proprio in onore di uno dei fratelli Marx. Il primo ricercatore che si occupò di questa proteina la studiò nei moscerini della frutta, e scoprì che una mutazione nel gene responsabile della sua produzione provocava una sovrabbondanza di ciglia nell’animale, “molto simili alle folte sopracciglia caratteristiche del personaggio comico”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.