Asl Salerno: nuovo assetto per gli ospedali di Eboli-Battipaglia-Roccadaspide e Oliveto

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Riorganizzazione_Presidi_ASLIl nuovo assetto degli ospedali destinati confluire nel nosocomio unico della Valle del Sele è un passo obbligato per l’Asl di Salerno, che non può certo sottrarsi al dettato del decreto 49, poi trasfuso in quello numero 82, che la Regione Campania ha emanato per razionalizzare la sanità locale. Ovviamente tutto si fonda su tagli di natura economica, che vanno ad incidere su numero di posti letto, divisioni operative e personale. Nel piano messo a punto dall’Asl salernitana si prevede un risparmiodi 17 milioni: si passerà infatti dagli attuali 80 ai futuri 63 milioni di spesa.


Se la Regione Campania dovesse approvare la bozza, poi, diventerà definitiva la proposta di un taglio dei posti letto dagli attuali 438 ai futuri 408 ed in termini di pianta organica si potrebbe passare dagli attuali 1284 lavoratori ai futuri 997. Procedendo con ordine, il direttore generale Antonio Squillante parte dalla premesse che la costruzione dell’Ospedale Valle del Sele avverrà nel lungo periodo: quindi è inevitabile rivedere il ruolo dei presidi di Oliveto, Roccadaspide, Eboli e Battipaglia. Eboli perderà solo 9 posti letto (saranno 150) e sarà ospedale a specializzazione chirurgica con un potenziamento di emodinamica ed Utic e dell’intero settore cardiologico.

Condividerà con l’Ospedale di Battipaglia le direzioni generali, sanitarie ed amministrative. Perderà le specialità di geriatria, pediatria, ginecologia ed ostetricia che confluiranno al nosocomio di Battipaglia, che il piano individua come azienda ad alta specializzazione materno-infantile. Proprio a Battipaglia i posti letto saranno 111 (21 in meno) cui s’aggiunge la gastroenterologia. Destino comune anche per gli ospedali di Roccadaspide ed Oliveto Citra.

A Rocca i posti letto saranno 51 (con un calo di 15 posti), mentre ad Oliveto saranno 96 (con un saldo attivo di 18 posti). In entrambi i casi vengono potenziate lungodegenza e riabilitazione. Per tutti quanti gli ospedali sarà conservato il pronto soccorso. Gli esuberi di personale saranno spalmati nelle altre aziende che fanno capo all’Asl di Salerno.

Il presidente della Conferenza dei sindaci, Sergio Annunziata, parla di una rivisitazione inevitabile ma che crea scompensi sul territorio. I Sindaci hanno chiesto un incontro al governatore Caldoro anche perché finora l’azione istituzionale in Regione è stata poco incisiva. I sacrifici- chiosa Annunziata- devono essere compensati da una rete sanitaria adeguata alle esigenze. Ed i decreti che parcellizzano la gestione penalizzano solo i presidi ospedalieri.
(Fonte LIRATV)

CLICCA QUI PER IL SERVIZIO [VIDEO]

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.