Terra dei Fuochi: via a bonifiche e screening della salute, il decreto diventa legge

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Incendio_rifiuti_rogo_terra_dei_fuochiE’ legge il decreto sulla Terra dei fuochi. Palazzo Madama lo ha approvato, licenziandolo ed ingoiando un ‘boccone’ già masticato dalla Camera, come hanno fatto notare molti senatori che non hanno potuto mettere le mani sul provvedimento. Tre i capisaldi che lo tengono in piedi: bonifiche, tutela della salute, ripristino della legalità. E dentro, negli articoli finali, si norma anche sull’Ilva. “Il decreto legge sulla Terra dei fuochi – dice il premier Enrico Letta, affidando il suo pensiero a twitter – è stato oggi convertito in legge, dopo decenni è la prima risposta a quel dramma. Impegno ora ad applicarlo bene”. Per il titolare dell’Ambiente Andrea Orlando, che alla Terra dei fuochi aveva dedicato la sua prima visita dopo l’investitura da ministro, si tratta di una “riscossa”, di un “punto di partenza” di un percorso, per affrontare “l’emergenza” in quell’area. Il testo approvato in via definitiva al Senato non ha subito modifiche rispetto a quello della Camera.


Il decreto si compone di 9 articoli. I punti principali per la parte Terra dei fuochi riguardano l’introduzione del reato di combustione dei rifiuti, strumento utile alla Magistratura per contrastare i roghi di rifiuti, spinta ulteriore sulle bonifiche (anche con il Fondo unico giustizia, creato apposta con le risorse provenienti dalla confisca di beni e guadagni illeciti delle criminalità), conferimento di poteri speciali al prefetto di Napoli, istituzione al Dipartimento della pubblica sicurezza del ministero dell’Interno di un gruppo per il monitoraggio, mappatura dei terreni inquinati (distinzione con quelli ‘no food), uso dell’esercito per il presidio del territorio, screening sanitario gratuito per Campania e Puglia (50 milioni, 25 a testa per il 2014 e il 2015) con il contributo dell’Istituto superiore di sanità, implementazione dello studio ‘Sentieri’ sui siti inquinati, maggiore trasparenza per i cittadini, aiuto alla filiera agricola.

Nella parte dedicata all’Ilva si punta a reperire le risorse per l’adeguamento ambientale e per l’applicazione dell’Autorizzazione integrata ambientale (Aia): con aumento di capitale, cessione di azioni, sblocco dei beni sequestrati. Infine, ci sono anche alcune norme sul dissesto idrogeologico e le regioni, e la Pubblica amministrazione. Contento per l’approvazione del decreto anche don Maurizio Patriciello, parroco anti-roghi di Caivano, lo definisce un “punto di inizio, non certo di arrivo” perchè “la Terra dei Fuochi finalmente è diventato un problema nazionale. Ha vinto anche la linea del dialogo, l’unica strada che noi conosciamo”.

Uno dei punti su cui si è discusso sia in Aula che fuori, è stata il testo ‘blindato’ giunto al Senato. Tanto che tra l’ironico e il serio, in molti tra i senatori parlavano di un “primo esperimento della riforma di Matteo Renzi” e l’eliminazione del bicameralismo perfetto. Anche il presidente di turno a Palazzo Madama Roberto Calderoli non ha risparmiato la frecciata: “Il decreto sulla terra dei fuochi è stato trattenuto 52 giorni dalla Camera e il Senato in due giorni lo ha affrontato e approvato. Alla luce del dibattito sul superamento del bicameralismo perfetto, credo si debba aprire una discussione su quale sia il ramo da abolire”.

(Fonte ANSA)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.