Angri: le indennità degli amministratori non sono state aumentate

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Angri_comuneIn merito alle notizie apparse negli ultimi giorni su alcune testate locali, arriva la smentita dell’Amministrazione comunale. La determina n°164 del 6 febbraio 2014, con la quale la UOC Affari Generali ha rideterminato le indennità degli amministratori per l’anno 2014, è stata mal compresa da alcuni organi di stampa che hanno erroneamente parlato di un aumento delle indennità degli amministratori per l’anno 2014. Negli articoli apparsi su alcune testate locali si è fatto riferimento a un aumento del 5% rispetto al 2013 per le indennità corrisposte a sindaco, assessori e consiglieri comunali. In realtà nessun aumento è stato determinato per il 2014.

Anzi, le indennità sono rimaste praticamente le stesse dal 2010, anno di insediamento dell’Amministrazione Mauri. La percentuale del 5% fa riferimento agli importi stabiliti per legge dal Decreto Ministeriale n°119 del 2000. È rispetto a quegli importi, e non agli importi del 2013, che si applica la maggiorazione del 5%. Maggiorazione ampiamente assorbita dalla riduzione del 10% stabilita dalla legge finanziaria 2006.

“Invito coloro che rivestono il delicato compito di informare la cittadinanza – ha commentato il Sindaco Mauri – a prestare più attenzione ai documenti che sottopongono all’opinione pubblica. In un momento di crisi economica e sociale come quello che stiamo vivendo, far passare il messaggio erroneo di un aumento delle indennità degli amministratori crea frustrazione e rabbia tra la popolazione. Errare è umano, e non se ne fa una colpa a nessuno. Ma spero che simili episodi non si verifichino più in futuro e che la coesione sociale venga assicurata da tutti i componenti della società civile”.

“Ho letto anche di alcuni amministratori di altre comunità – ha continuato il primo cittadino – che si sarebbero decurtati le indennità per assicurare l’assistenza agli anziani e il servizio mensa scolastica. Faccio notare che questi servizi fondamentali sono ordinariamente assicurati dal nostro Comune nonostante i continui tagli alle risorse praticati dai governi nazionali. Merito di una politica tesa all’ottimizzazione della spesa e alla programmazione dei servizi, con la quale abbiamo raddoppiato la spesa in servizi sociali e abbiamo assicurato il funzionamento della mensa nonostante sia un servizio facoltativo al quale hanno rinunciato molti comuni del comprensorio.

È evidente poi che amministrare un comune di circa 34.000 abitanti sia ben più complesso e difficile rispetto a un paese con 731 abitanti, e che la gestione di una comunità così grande comporti oneri tali da costituire un vero e proprio lavoro. Inoltre ad Angri non si è mai posto il problema di tagliare i rimborsi spesa per viaggi e missioni di sindaco e assessori, visto che tutte le volte che ci rechiamo alla Regione o presso i vari ministeri per richiedere finanziamenti volti allo sviluppo della città, lo facciamo a spese nostre, senza chiedere rimborsi e senza fruire di auto di servizio né dell’autista. Sin dall’inizio del mandato io e gli assessori abbiamo sostenuto questo tipo di spese di tasca nostra, volendo dare un segnale forte di cambiamento”.

“Credo però che il principio di assicurare una indennità a chi lavora ogni giorno al servizio della comunità – ha concluso il Sindaco Mauri – sia un vero pilastro della democrazia, che consente a tutti di fare politica e di dedicarsi completamente alle attività amministrative una volta che si venga delegati dal popolo. Un azzeramento indiscriminato delle indennità vorrebbe dire che solo i ricchi possono candidarsi a cariche pubbliche, o peggio ancora che chi riveste cariche pubbliche dovrebbe trovare altrove i mezzi del suo sostentamento”.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.