Rifiuti: la Forestale scopre deposito abusivo di rifiuti speciali nel Parco Nazionale del Cilento

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
HPIM1760.JPGGli uomini del Corpo Forestale dello Stato sono costantemente impegnati su tutto il territorio Cilentano nelle attività di monitoraggio e contrasto al fenomeno del traffico e della gestione illecita di rifiuti, riconducibili alle operazioni illegali ed ai crimini ambientali, oltre che al comportamento non corretto di alcuni cittadini, condotte che rappresentano una concreta minaccia sia per l’ambiente che per la salute pubblica.

Di recente, il Comando Stazione Forestale di Sanza, a seguito di segnalazione pervenuta dalla  Centrale Operativa 1515 di Napoli, prontamente si portava in località “Torni Jodice” nei pressi dello svincolo Caselle Nord della SS.517 VAR del comune di Caselle in Pittari e sul posto lungo il ciglio della strada, accertava il deposito incontrollato di ingenti quantitativi di rifiuti speciali. Durante il sopralluogo, si appurava che all’interno dell’area erano stati abbandonati grossi quantitativi, circa 100 mc. di rifiuti speciali, miscelati con rifiuti pericolosi di ogni genere: residui vegetali provenienti dallo spezzamento di strade, contenitori in PVC, scatole di alluminio, materiale plastico di varia natura, bottiglie di plastica, materiale litoide proveniente da sterro e blocchi di residui di conglomerato bituminoso, barattoli di vernice ecc…

Le indagini svolte hanno consentito di appurare che il sito adibito a discarica fosse di proprietà dell’ANAS; le attività investigative hanno permesso ai forestali di ipotizzare anche il luogo di provenienza dei rifiuti abbandonati. La circostanza più preoccupante è che i rifiuti erano direttamente sversati sul suolo nudo, privi di ogni criterio e strutture per il loro stoccaggio e contenimento, ed esposti in maniera prolungata agli agenti atmosferici, tanto da causare la diffusione di sostanze inquinanti nei terreni circostanti compromettendo in maniera significativa l’habitat naturale. Accertato l’abuso le Giubbe Verdi, al fine di evitare di interrompere la condotta illecita ponevano a sequestro preventivo l’intera area, segnalando i fatti all’Autorità competente affinché si provvedesse alla immediata bonifica ed al ripristino dello stato dei luoghi.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.