Allarme Cisl: “Una famiglia salernitana su tre salvata dalle pensioni dei nonni”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
istat_poveri_nuova“Gli aumenti dei tributi colpiscono soprattutto le fasce deboli come i pensionati e le famiglie a basso reddito che non sono in grado di reggerne il peso. Riteniamo perciò necessario un incontro con i sindaci del territorio salernitano, per conoscere
e concordare la misura dei tributi che si intendono applicare e le modalità delle agevolazioni a queste categorie sociali, che non si possono più rinviare”.

A scriverlo, sugli aumenti Tares, è Giovanni Dell’Isola, segretario generale della Fnp Cisl Salerno. “In passato – aggiungono – avevamo avuto rassicurazioni sull’applicazione delle agevolazioni sulla Tares ai pensionati e lavoratori con una fascia di reddito bassa, ma la tassa è stata aumentata in maniera insostenibile”. Con la crisi economica e la crescita della disoccupazione sono, quindi, sempre più le pensioni a salvare i bilanci per più di una famiglia salernitana su tre. Un dato confermato dalla ricerca nazionale effettuata da Coldiretti.

“Il 93% cento degli italiani – sottolinea il sondaggio – ritiene che la presenza di un pensionato in famiglia sia una vera e propria fortuna, con una netta inversione di tendenza nella percezione del ruolo degli anziani rispetto al passato. Noi portiamo avanti questa tesi da tempo, anche se l’82% delle pensioni nel Salernitano sono al di sotto della soglia di povertà”, ha detto Dell’Isola.

“La presenza di un nonno in famiglia si sta dimostrando, nei fatti, fondamentale per non far sprofondare nelle difficoltà della crisi moltissimi cittadini, come dimostra il fatto che ormai i giovani salernitani non possono non chiedere aiuti economici ai genitori”.

Secondo il sindacato della Fnp le istituzioni, spesso, anziché venire incontro alle esigenze delle famiglie appesantiscono il carico dei tributi, creando numerose situazioni di disagio come dimostrato dalla vicenda delle cosiddette ‘cartelle pazze’. “Centinaia di pensionati sono stati costretti a lunghe file per chiarire la loro situazione, in quanto in molti casi gli addebiti notificati non erano dovuti o erano stati già saldati”, ha detto Dell’Isola. “Proprio per questo riteniamo necessario avviare tavoli di contrattazione con tutti i Comuni per definire la tassazione e agevolare le fasce più deboli, ma anche modalità di riscossione meno stressanti e penalizzanti”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.