Caso Nocerina: chiuso processo,Corte conferma esclusione del club

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
salernitana_nocerina_infortunioSi è chiuso il dibattimento dinanzi alla Corte di Giustizia Figc sul caso Nocerina. I giudici d’appello dovranno decidere in merito al derby farsa di Lega Pro Salernitana-Nocerina, interrotto lo scorso 10 novembre dopo 21 minuti di gioco per raggiunto numero minimo dei giocatori. Il dispositivo della sentenza potrebbe essere reso in serata o al massimo domani mattina.

Il 29 gennaio la Commissione Disciplinare Nazionale aveva stabilito l’esclusione della Nocerina dal campionato di competenza per illecito sportivo, con assegnazione da parte del consiglio federale ad uno dei campionati di categoria inferiore, oltre a un’ammenda di 10mila euro. E oggi il procuratore federale, Palazzi, nel chiedere la conferma della pena ha ribadito che quella andata in scena all’Arechi di Salerno è stata ”una delle pagine più brutte del nostro calcio”.

L’accusa ha chiesto alla corte presieduta da Mastrandrea di mantenere le stesse sanzioni decise dai giudici di primo grado anche per i tesserati: 3 anni e 6 mesi per il presidente Luigi Benevento, il dg Pavarese e il medico Rosati, un anno ai calciatori Kostadinovic, Hottor, Remedi, Lepore, Danti e 3 anni e mezzo ai tecnici Fontana e Fusco.

”L’esclusione dal campionato equivale alla radiazione della società – dice l’avvocato Eduardo Chiacchio -. Ma nessun dirigente ha comprato o venduto la partita. Non si può arrivare a una pena capitale che estromette una città e una società dal calcio”. La corte è riunita in camera di consiglio e il dispositivo della sentenza potrebbe essere reso noto già in serata o al massimo domani mattina. Sperano in un’assoluzione i tesserati condannati in primo grado: l’ex presidente Luigi Benevento, il dg Luigi Pavarese e il medico Giovanni Rosati fermati per tre anni e mezzo così come il tecnico Gaetano Fontana e il suo vice Salvatore Fusco.

Auspicano che venga cancellata loro la squalifica di un anno anche i calciatori Juzvisen Petar Kostadinovic, Etse Edmunde Hottor, Lorenzo Remedi, Franco Lepore e Domenico Danti. ”E’ una situazione imbarazzante – spiega Fontana nel corso del dibattimento svoltosi a Roma – perché sto pagando per essermi comportato da padre. Sono stato accanto ai giocatori che mi hanno chiesto aiuto. Ho chiesto aiuto a chiunque e non l’ho ricevuto. La mia colpa è aver assecondato i ragazzi che non volevano giocare”.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.