Sanremo: Rocco Hunt, grazie a Saviano canto Terra fuochi. Il rapper salernitano unico campano al festival

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
rocco Hunt_2La Campania a Sanremo è hip hop e la sua voce è quella di Rocco Hunt, in gara tra le ‘nuove proposte’, gia’ un big per la rete. Nella sua ‘Nu journo buono’ il 19enne salernitano fan di Roberto Saviano (“mi sono ispirato a lui per il mio brano”) parla della Terra dei Fuochi ma nel suo rap italo napoletano c’e’ soprattutto speranza. “Questo posto non deve morire/ La mia gente non deve partire, Il mio accento si deve sentire/ La strage dei rifiuti, l’aumento dei tumori/ siamo la terra del sole, non la terra dei fuochi” canterà all’Ariston Rocco, al secolo Pagliarulo.


“La canzone che porto a Sanremo è un grido di speranza – spiega – un rap positivo. La Terra dei Fuochi non è un problema solo campano, vorrei far capire a tutti che anche al nord sono stati trovati sversamenti di rifiuti tossici, ma se ne parla poco. Non è un brano per piangersi addosso, il rap è il mezzo più appropriato perché arriva immediatamente e soprattutto alle orecchie dei più giovani, va dritto al popolo. E comunque il mio brano non è solo rap, ha anche ritornelli melodici dove canto”. Poi racconta all’Ansa la sua ammirazione per Saviano.

”Ho avuto uno scambio con lui dopo aver comprato i suoi libri, libri che tutti dovrebbero avere nello scaffale. Roberto è stato il primo a denunciare la Terra dei fuochi. Sono felice che abbia anche twittato uno dei miei pezzi, ‘Senza peccat’, una canzone poco conosciuta e che quindi mi segua. Grazie per tutto quello che fa”. Il 17 febbraio uscirà l’Ep digitale (Sony) di Rocco Hunt “Nu Juorno Buono” che conterrà anche il brano in gara a Sanremo in due versioni.

Ma se il rapper e’ l unico campano in gara, la musica “made in naples”‘ sarà protagonista ancora nella serata di venerdi al ‘Sanremo Club’, la sezione che vuole creare un legame tra due anime, il Premio Tenco e il Festival di Sanremo, con l’esecuzione di due classici di Pino Daniele e Eduardo Bennato. Sara’ Francesco Renga a cantare ‘Un giorno credi’ nel primo disco del cantautore di Bagnoli ‘Non farti cadere le braccia’ (1973) scritta con Patrizio Trampetti della Nuova Compagnia di Canto Popolare.

Giuliano Palma, milanese, alla sua prima partecipazione in gara a Sanremo (dove ha gia’ cantato con Nina Zilli due anni fa) proporra’ invece ‘I say i’ sto cca” di Pino Daniele, brano di apertura di ‘Nero a metà’ (1980) tra i cento dischi italiani più belli di sempre secondo Rolling Stone Italia.

Fonte ANSA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.