Omicidio Vassallo: legalità e ambiente, le battaglie del ‘Sindaco pescatore’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
angelo_vassallo05 settembre 2010, ore 22.15 circa: Angelo Vassallo, sindaco di Pollica, mentre rincasa alla guida della sua automobile, viene raggiunto dalla feroce angheria omicida di una mano che gli esplode contro nove proiettili, sette dei quali vanno a segno. Vassallo, quella notte, si tramuta cruentemente da “sindaco pescatore” in“Angelo” chiamato a vegliare dalla perpetua indecifrabilità del cielo sulla sua terra, sulla sua comunità, sulla sua famiglia. Convinto ambientalista e noto come il ‘sindaco pescatore’, Angelo Vassallo aveva trasformato con il suo impegno Pollica, paese che sorge alle spalle del Monte Stella nel Cilento, in un borgo simbolo della sostenibilità ambientale e della legalità. Un amore per la terra e per il mare che Vassallo aveva trasferito nel suo modo di amministrare: nel gennaio del 2010 firmò un’ordinanza che prevedeva una multa di mille euro per chi gettava a terra i mozziconi o la cenere di sigarette.

Rigore e rispetto per la natura che permisero al paese del Parco del Cilento e Vallo di Diano di conquistare riconoscimenti quali le ‘bandiere blu’ e un buon rilancio turistico. Il ‘sindaco pescatore’ era stato eletto alla guida del paese per ben quattro mandati: dal 1995 al 1999, dal 1999 al 2004 e dal 2005 al 2010. Nel 2010 si era ripresentato: unico candidato era stato rieletto il 30 marzo con il 100% dei voti. Nel corso della sua esperienza politica aveva ricoperto anche il ruolo di consigliere della Provincia di Salerno. Oltre alla carica di sindaco, aveva occupato anche quella di presidente della Comunità del parco, organo consultivo e propositivo dell’ente Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano ed era stato Presidente della Comunità Montana Alento Monte Stella.

Vassallo era inoltre vicepresidente delle ‘Città slow’, aderenti al manifesto dell’associazione Slow Food ed era stato Presidente delle ‘Città Slow’ nel mondo. Un impegno a favore della propria terra stroncato la sera del 5 settembre 2010. Per ricordare e proseguire l’opera del sindaco-pescatore tre mesi dopo il delitto e’ nata una Fondazione che porta il suo nome e che attraverso borse di studio per gli alunni più meritevoli, pulizia delle spiagge, giornate di discussione e confronto su diversi temi, ma anche attività e spettacoli culturali, porta avanti l’opera di Angelo Vassallo. Vassallo inoltre viene ricordato ogni anno il 21 marzo nella Giornata della Memoria e dell’impegno di ‘Libera’, associazioni, nomi e numeri contro le mafie.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.