Campania: piani comunali di Prot. Civile, sinergia con Anci per sensibilizzare sindaci

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
cosenza_assessorte_1“Le iniziative assunte dai sindaci di Ottaviano, Luca Capasso, di Ischia, Giuseppe Ferrandino, unitamente ai colleghi della zona rossa del Vesuvio e delle altre amministrazioni dell’Isola verde,  e del sindaco di Giffoni Valle Piana Paolo Russomando, insieme ai colleghi dell’area dei Picentini, vanno nella direzione auspicata: riuscire ad avere piani di protezione civile a carattere intercomunale.”

Così l’assessore alla Protezione civile della Regione Campania Edoardo Cosenza, ha commentato l’assemblea indetta dal sindaco di Ottaviano Capasso con i sindaci di 13 Comuni vesuviani e le analoghe azioni assunte dal primo cittadino di Ischia che ha riunito intorno ad un tavolo le altre amministrazioni locali isolane e nel Salernitano.

“Lunedì incontrerò Capasso al fine di ottimizzare il lavoro a scala intercomunale: al momento risulta una disomogeneità rispetto alla pianificazione già presente nelle singole realtà ed è necessario rendere il lavoro quanto più possibile a misura di cittadino. Un confronto è in atto anche con Ferrandino. Naturalmente siamo disponibili ad incontrare anche i sindaci capofila degli altri Centri comunali misti interessati a predisporre piani sovracomunali e auspichiamo che anche altre aree esposte ad elevati rischi naturali vadano in questa stessa direzione.


“Sarebbe molto utile
– ha proseguito l’assessore regionale – che i Comuni dell’area flegrea, quelli della costiera amalfitana e, più in generale, tutti i comuni di aree omogenee si unissero.

“Ringrazio – ha poi aggiunto – il sindaco di Perugia, Wladimiro Boccali, delegato dell’Anci alla Protezione civile, per aver ritenuto l’iniziativa assunta dalla Regione Campania una possibile migliore pratica di sostegno alla pianificazione locale di protezione civile e per aver avviato la sensibilizzazione dei Comuni della Campania rispetto all’opportunità del finanziamento dei Piani.

La Regione Campania è l’unica in Italia a finanziare i piani di emergenza di tutti i suoi Comuni (551) e ad incentivare economicamente le unioni dei comuni, perché una risposta studiata su un territorio  più ampio è una risposta meglio organizzata e che da più sicurezza ai cittadini. Dunque la risposta dei comuni vesuviani, di quelli dell’isola d’Ischia e di quelli del Salernitano ad unirsi per fare piani di emergenza intercomunali va nella giusta direzione. Le domande di finanziamento  vanno effettuate entro il 3 aprile.

“Auspichiamo che con i 15 milioni di euro investiti la Campania possa divenire la regione d’Italia meglio organizzata rispetto alla gestione dei rischi naturali con la totalità dei Comuni dotata di piani di emergenza a misura dei cittadini, con delle vere e proprie istruzioni semplici da usare in caso di emergenza”, ha concluso Cosenza.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.