Camilli (Presidente Grosseto): “Prenderei i calciatori a calci, squadra vergognosa”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
camilli_grossetoPiero Camilli si presenta per la prima volta in questa stagione in sala stampa e con il suo solito modo di fare schietto e diretto non nasconde la delusione per l’eliminazione della squadra biancorossa dalla Coppa Italia di Lega Pro:

“E’ una prestazione veramente vergognosa, la squadra è stata moscia ed inguardabile, senza la necessaria cattiveria, ed ha confezionato errori su errori – spiega il presidente biancorosso -. Nell’intervallo, avrei voluto scendere negli spogliatoi per picchiare qualche giocatore. Mi dispiace perdere così, tenevo alla Coppa Italia”.

Camilli getta poi un occhi sul campionato: “Ho investito nel mercato di gennaio per rinforzare la squadra – dichiara il numero uno unionista -, ora proveremo ad entrare nei playoff, anche se onestamente sono sempre stato abituato a lottare per obiettivi più importanti e considero comunque questo torneo una stagione di transizione”.

Quindi, il presidente biancorosso ribadisce la sua intenzione di cedere la società a fine stagione:

“Al termine di questo campionato me ne vado. Ho trascorso 15 anni molto belli a Grosseto, quest’anno ho comunque iscritto la squadra in Lega Pro e ho dato una struttura al settore giovanile – afferma Camilli -. Ho pensato come sempre a mettere apposto il bilancio e chi è intenzionato a farsi avanti troverà una società sana, che, nella peggiore delle ipotesi, disputerà ancora la Prima Divisione. Ricordiamoci da dove siamo partiti quando sono diventato presidente, abbiamo compiuto una scalata formidabile, poi l’anno scorso siamo retrocessi in modo dignitoso e non per colpa nostra. La rosa è composta da giocatori in scadenza di contratto, in prestito o in comproprietà. Quindi, chi arriverà dopo di me non avrà oneri sotto questo punto di vista”.

Camilli fa poi il punto sulla possibilità di trovare acquirenti per la società biancorossa:

“Parliamoci chiaro, al momento nessuno vuole il Grosseto. La grave crisi economica ha scoraggiato gli investimenti nel mondo del calcio, ma in fondo qui il problema è un altro: la città è fredda, non vive di questo sport come altre piazze. Ci sono tre mesi di tempo per trovare un altro che prenda il mio posto, ma fare calcio qui è veramente difficile – dichiara il presidente biancorosso -. Nel corso degli anni abbiamo sempre allestito squadre competitive, ma poi sono stato costretto a cedere ogni volta i migliori giocatori perché allettati da realtà più appetibili, che potevano offrire loro di più sia a livello sportivo che economico. In ogni caso, ho sempre salvaguardato i bilanci e siamo ancora in piedi in un campionato dignitoso come la C1, mentre società più blasonate rispetto al Grosseto sono fallite e poi sono dovute ripartire da tornei inferiori”.

Fonte Grossetosport.com

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.