Camorra: fermati quattro affiliati al clan Moccia. Blitz Dia nel Napoletano: accusati di estorsione a imprenditore

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Tre persone ritenute affiliate al clan di camorra dei Moccia sono stati sottoposti a fermo dalla Direzione investigativa antimafia (Dia) con l’accusa di estorsione aggravata nei confronti di un imprenditore aggiudicatario di alcuni appalti nel comune di Afragola (Napoli). Uno dei fermati è ritenuto un elemento di spicco del clan. Il provvedimento, emesso su richiesta della Direzione distrettuale antimafia (Dda), è stato eseguito anche per tutelare l’incolumità della vittima.

Il decreto di fermo eseguito dal centro operativo della Dia di Napoli – emesso dal tribunale di Napoli su richiesta della Dda partenopea – riguardano Giovanni Del Prete, di 27 anni, Leopoldo Tremante, di 57 anni, Antonio Del Prete, di 29 anni, e Giovanni Castiello, di 42 anni. I quattro, ritenuti appartenenti al clan Moccia, sono accusati di estorsione aggravata dal metodo mafioso: secondo gli investigatori hanno più volte imposto il pizzo a un imprenditore che si è aggiudicato ad Afragola, in provincia di Napoli, gli appalti per il montaggio e la manutenzione delle luminarie pubbliche sia nel paese che nelle zone limitrofe. I primi ad essere stati sottoposti a fermo sono Giovanni Del Prete (già arrestato per lo stesso reato nell’ottobre del 2012) e Leopoldo Tremante.

Il primo gestiva la trattativa con la vittima mentre il secondo svolgeva il ruolo di intermediario. La vicenda è emersa durante un’intercettazione telefonica: l’imprenditore vittima del clan ha inizialmente negato di avere subìto minacce o richieste estorsive poi, davanti all’evidenza, ha confermato di essere stato avvicinato da amici dei “compagni di Afragola” che gli avevano chiesto di versare 3 mila euro in due tranche, a partire da giugno 2013. La prima rata la vittima l’aveva già versata in occasione delle festività natalizie.

Dalle indagini è emerso che i contatti tra l’imprenditore e gli “amici di Afragola” erano iniziati nel 2011. In quell’anno alcuni operai dell’imprenditore al lavoro in un cantiere erano stati minacciati da un uomo che si era presentato come il capo della camorra locale. La richiesta, allora, fu di 4 mila euro “forfettarie” da corrispondere in due rate. Alle richieste di pizzo, che si sono ripetute nel corso degli anni successivi al 2011, hanno preso parte anche Antonio Del Prete, fratello di Giovanni, e Giovanni Castiello. I decreti di fermo nei confronti di queste ultime due persone sono stati emessi dopo una perquisizione domiciliare.

(ANSA).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.