Battipaglia: targhe straniere false applicate su auto italiane, 5 persone denunciate

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Targhe_autoA conclusione di uno specifico servizio condotto dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Battipaglia, finalizzato a contrastare il fenomeno, sempre più diffuso, dell’illecita apposizione di targhe straniere false (oppure recuperate da auto demolite o non più in uso in quegli Stati) su autovetture immatricolate con targa italiana, nell’arco di appena tre giorni sono stati sottoposti a controllo cinque automobilisti sorpresi a bordo di auto con targhe straniere (bulgare e rumene) illecitamente apposte su auto in realtà immatricolate in Italia.

Principalmente due gli scopi di tale ingegnosa pratica. Pagare, se si decide di assicurare l’auto e non si opta per l’uso di una polizza assicurativa anch’essa falsa, un premio assicurativo ridotto (una polizza rumena o bulgara può arrivare a costare il 90% in meno rispetto ad una polizza italiana), oppure eludere, o meglio rendere maggiormente difficoltosi, i controlli di Polizia sulle strade o le notifiche della contravvenzioni al Codice della Strada.

In un caso, tra quelli oggetto di indagini a cura dei Carabinieri di Battipaglia, l’autovettura italiana era stata ritargata per evitare il controllo che avrebbe determinato il fermo amministrativo del veicolo per dei tributi non pagati. Cinque (due marocchini, un ucraino e due italiani) le persone denunciate per ricettazione ed uso di atto falso. Altrettante le autovetture, soprattutto utilitarie, sequestrate insieme alle targhe ed alla documentazione, quest’ultima sicuramente falsa.

Sono in corso accertamenti attraverso Interpol per stabilire se si tratta di documentazione “artigianalmente” riprodotta al computer attraverso l’utilizzo di scanner sofisticati oppure si è in presenza di falsi “ideologici” (documenti veri magari fraudolentemente sottratti in bianco e poi artatamente intestati agli utilizzatori delle auto). Per le targhe invece si tratta  sempre di targhe vere magari riconducibili a macchine demolite o non più in uso nei relativi paesi. In corso, naturalmente, le indagini, per capire se dietro il fenomeno si celi una vera e propria organizzazione che curi tutti i passaggi necessari alla falsa reimmatricolazione delle auto.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.