Salerno, De Luca: “Alla Centrale del Latte faremo piazza pulita. Neppure un euro di straordinario”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
21
Stampa
De_Luca_centrale_Latte“Questa fase di difficoltà impone a tutti una politica di rigore, ma non tutti lo hanno capito. Negli anni scorsi c’è stato un passaggio legislativo decisivo, che prevede che il bilancio di un comune assomma anche i bilanci delle aziende partecipate. Questo passaggio non è stato capito da qualche dipendente, da qualche sindacalista, da qualche rivoluzionario della domenica: c’è chi continua a comportarsi come se la crisi non ci sia stata e come se non siano intervenute nuove leggi, permettendosi privilegi e parassitismi che non sono più motivati. Quella della Centrale del Latte è una vicenda simbolo della irresponsabilità e del parassitismo”.

 

A dirlo Vincenzo De Luca a LIRATV nel corso del consueto appuntamento del venerdì. “Avremmo dovuto già vendere l’azienda alcuni anni fa – dice De Luca -, ma una delibera di Consiglio Comunale del 2008 ci ha consentito in modo molto forzato di trovare una scappatoia. Da allora, in termini di parassitismo, non è cambiato niente, alla Centrale così come in altre aziende dove pure dovremo mettere mano.

 

Qualche dato significativo: solo di salario accessorio, cioè di contratto integrativo aziendale, la Centrale spende 700mila euro all’anno, che si aggiungono a tutto ciò che è previsto dai contratti nazionali, comprese tredicesima e quattordicesima. Una cosa del genere, in un momento in cui i comuni sono disastrati per colpa dei tagli nazionali, non è più tollerabile; e non è tollerabile che si brucino 700mila euro in un’azienda partecipata, in aggiunta al contratto nazionale, quando i dipendenti del comune, che peraltro non hanno la quattordicesima, hanno visto quasi azzerati gli straordinari; non si può tollerare che dal 2012 si dia una gratifica natalizia di 258 euro netti o che sia prevista un premio di rendimento per “autonomia di reparto” pari a circa 300 euro; e non si può tollerare che, nell’ambito di quei 700mila euro, il trattamento economico dei più giovani sia di molto svantaggioso rispetto a quello di dipendenti che stanno lì da decenni.

Qui non si difende il latte, si difende il parassitismo, si tutela solo il proprio fondoschiena. Queste cose le abbiamo scoperte perché i privati interessati all’acquisto ci hanno chiesto la documentazione, e non solo si sono ritrovati questo quadro contrattuale, ma hanno trovato chi ha fatto di tutto per scoraggiarli.

Tutta questa vicenda è la condanna a morte della Centrale del Latte, perché o l’azienda trova nuove risorse, che possono essere garantire solo dai privati, o va in crisi. Alla Centrale inizieremo da subito a fare piazza pulita: non ci dovrà essere più neanche mezzo euro di straordinario, si paga fino all’ultimo euro quello che è previsto dal contratto nazionale”.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.