Salerno: “Italia Viva”, per una carta del rinnovo urbano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
17
Stampa
Italia_Viva_plastico_Crescent_Salerno_15“Italia Viva. Per una carta del rinnovo urbano”. Parte da Salerno un manifesto, una riflessione nazionale sulla trasformazione urbana e le sue potenzialità culturali, economiche, occupazionali. La palude burocratica e l’incerto quadro normativo, il comitatismo e lo pseudo ambientalismo rendono l’Italia un paese mummificato dove il rinnovo urbano – grande risorsa per il futuro del paese – diventa un sentiero di guerra, irto di ostacoli e senza reale tutela dell’ambiente.  La riflessione nasce dall’esperienza maturata a Salerno dal 1993. La città ha vissuto una profonda trasformazione urbana che ne ha mutato la storia ed il destino. Ad oggi Salerno è, per quanto realizzato, per i cantieri ed i progetti, una delle realtà più dinamiche d’Italia e d’Europa.  A discutere di questi temi cruciali, dopo l’intervento del Sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, uno straordinario novero di protagonisti della vita professionale, sociale e culturale del nostro paese insieme ai vertici di costruttori, architetti ed ingegneri:

Ricardo Bofill – Architetto
Vittorio Sgarbi – Critico d’arte
Domenico De Masi – Sociologo
Franco Purini – Architetto
Stefano Stanghellini – Presidente Urbit/Urban Promo
Silvia Viviani – Presidente Nazionale INU
Paolo Buzzetti – Presidente Nazionale ANCE
Adolfo Guzzini – Presidente Nazionale IN/ARCH
Luca Zevi – Presidente IN/ARCH Lazio
Leopoldo Freyrie – Presidente Nazionale Consiglio Nazionale Architetti
Armando Zambrano – Presidente Consiglio Nazionale degli Ingegneri
Maurizio Tira – Presidente Centro Nazionale Studi Urbanistici
Nicola Di Battista – Direttore rivista Domus
Roberto Gerundo – Presidente INU Campania

“La trasformazione urbana è il settore dell’economia più rapidamente attivabile per creare lavoro e sviluppo – dice De Luca -. C’è una forte esigenza di assetto del territorio, di valorizzazione dell’ambiente, di tutela idrogeologica. C’è una esigenza drammatica di interventi di manutenzione urbana. Occorrono vasti programmi di opere pubbliche e private, con l’apertura di migliaia di cantieri. E’ possibile e necessario offrire una prospettiva di lavoro alle tante energie tecniche e progettuali oggi non utilizzate”.

1) L’ECONOMIA. La trasformazione urbana è il settore dell’economia più rapidamente attivabile per creare lavoro e sviluppo. C’è una forte esigenza di assetto del territorio, di valorizzazione dell’ambiente, di tutela idrogeologica. C’è una esigenza drammatica di interventi di manutenzione urbana. Occorrono vasti programmi di opere pubbliche e private, con l’apertura di migliaia di cantieri. E’ possibile e necessario offrire una prospettiva di lavoro alle tante energie tecniche e progettuali oggi non utilizzate.

2) IL GROVIGLIO BUROCRATICO. L’Italia appare oggi come un paese paralizzato. Il groviglio normativo, legislativo e regolamentare; le sovrapposizioni e moltiplicazioni di competenze; la difformità delle norme urbanistiche; la precarietà delle regole; il proliferare del “comitatismo”; la pratica di eterni ricorsi amministrativi: tutto spinge verso la paralisi decisionale. Le istituzioni democratiche ed elettive sono a volte impotenti. I piani di trasformazione urbana sembrano irrealizzabili. Si guarda con invidia a esperienze di altri paesi nei quali si decide, e si realizza ciò che si decide. In queste condizioni l’Italia muore.

3) LA CULTURA. Il patrimonio storico-artistico, il paesaggio, l’ambiente sono una ricchezza inestimabile, da tutelare e valorizzare. E’ unico il valore dei nostri centri storici. E tuttavia, dietro l’alibi della “tutela”, è andata crescendo anche la sottocultura della “mummificazione” del territorio, il rifiuto, quasi ideologico e di principio, del “costruito”. Occorre affermare che, anche in questo campo, la stratificazione culturale, la presenza di opere di diverso linguaggio architettonico, la modernità, sono una ricchezza per il paese.
L’Italia oggi appare ferma, incapace di produrre una nuova stagione di grande urbanistica. Siamo diventati, nell’ipocrisia generale, il paese con il più alto numero di norme vincolistiche e – insieme – con i più vasti fenomeni di abusivismo e di devastazione territoriale

4) LE RISORSE. E’ di verifica comune il fatto che non ci sono più risorse pubbliche sufficienti a sostenere grandi programmi di trasformazione urbana, e a volte neanche i piccoli programmi di manutenzione ordinaria del territorio. Si pone in modo ineludibile, il tema del rapporto con le risorse e gli investitori privati. Occorre ragionare sulle opportunità offerte dalla finanza di progetto; sui possibili intrecci fra immobili storici e attività produttrici di reddito per privati che ne garantiscano manutenzione e valorizzazione. Occorre definire in modo più chiaro il rapporto con gli interessi privati nel campo dell’urbanistica. Sono temi delicati. Occorre, insieme, equilibrio e innovazione.

TUTTE LE FOTO

 

INTERVISTA VIDEO DE LUCA

INTERVISTA VIDEO A SGARBI

INTERVISTA VIDEO BOFIL

 

INTERVISTA VIDEO DE MASI

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.