Commemorato a Palermo Joe Petrosino: pronipote, era incorruttibile. Celebrazioni a poliziotto di origini salernitane

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Joe_Petrosino“L’Italia si sente un po’ in difetto con Joe Petrosino non essendo riuscita a individuare mandanti e sicari del suo omicidio, ma nonno Joe fu un uomo incorruttibile che riscattò l’Italia conquistando l’America”. Così Nino Melito Petrosino, pronipote del poliziotto italo americano ucciso a Palermo il 12 marzo di 105 anni fa, ricorda il tenente che si oppose alla Mano nera, e che in America, molto più che in Italia, é considerato un vero eroe nazionale.

A piazza Marina, luogo dell’uccisione, la deposizione di una corona di fiori, con il saluto delle autorità, il vicesindaco di Palermo, Cesare La Piana, il sindaco di Padula (Comune del Salernitano che ha dato i natali a Petrosino) Paolo Imparato, Tiziana Bove Ferrigno, assessore alla Cultura del Comune di Padula, Giovanni Cancellaro, presidente dell’associazione internazionale Joe Petrosino e Sergio Cirelli, presidente dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato della sezione New York – New Jersey.

La giornata di commemorazione é proseguita con la presentazione a Palazzo delle Aquile, del libro “L’omicidio di Joe Petrosino” di Anna Maria Corradini, dove é intervenuto anche il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. “Joe Petrosino ci ricorda che occorre giudicare le persone per il loro comportamento e non per il luogo in cui sono nate – ha detto Orlando – e Petrosino ci aiuta a promuovere la cultura della legalità nel mondo”.

“In America – ha aggiunto il pronipote del poliziotto – sono due gli italiani ricordati con una giornata loro dedicata: Cristoforo Colombo, con il Columbus day, e Joe Petrosino, che viene ricordato il 19 ottobre, quando, nel 1893, a 23 anni, indossò per la prima volta la divisa da poliziotto. Aneddoti e ricordi che fanno parte della nostra storia di famiglia oggi sono in mostra alla casa museo di Padula, ma la sua storia ha destato interesse persino a Tokyo.

La commemorazione, oltre ad essere da esempio e monito per le nuove generazioni, afferma un’immagine pulita e legale dell’Italia offuscata da pochi malavitosi”. Alla manifestazione é intervenuto anche Roberto Trapani della Petina, presidente dell’Istituto Superiore per la Difesa delle tradizioni che ha consegnato una statua raffigurante Joe Petrosino realizzata dal giovane scultore Gabriele Venanzio e un dipinto della pittrice Federica Scaletta, che saranno patrimonio della cittá di Padula.

Fonte ANSA

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.