Dopo 70 anni dall’ ultima eruzione del Vesuvio gli esperti italiani sono tranquilli. In america invece spopola un video che lancia l’ allarm

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
vesuvioSono passati 70 anni dall’ ultima eruzione del Vesuvio. Dal 1944, il vulcano è in fase di quiescenza. Tale periodo di riposo appare atipico per cui la ripresa dell’attività eruttiva pare fortemente in ritardo. Per questo, si ritiene che il Vesuvio sia uscito dal tipo di attività fino ad oggi studiato. Per qualche motivo ancora ignoto, il condotto (praticamente sempre aperto dal 1631) dev’ essersi ostruito in profondità, o devono essersi svuotate le “sacche” di magma che alimentavano l’attività ciclica, per cui il vulcano è tornato all’apparenza inerte, come doveva essere prima del 1631.
Nel 1987, l’AGIP effettuò una trivellazione su un fianco del Vesuvio per cercare di convertirne il calore interno in energia elettrica. Nel 2001, invece, una ricerca condotta dalle Università di Napoli e di Nizza, e i cui risultati sono stati pubblicati su Science , ha permesso di accertare che a una profondità di circa otto chilometri sotto la superficie è presente un accumulo di magma che si estende per circa quattrocento chilometri quadrati, dal centro del golfo di Napoli fino quasi ai contrafforti preappenninici. Per via di ciò, è lecito aspettarsi i segnali di una ripresa dell’attività in qualunque momento: quindi, il Vesuvio è strettamente monitorato.
“A differenza degli studiosi ed esperti dell’ osservatorio vesuviano ,ad esclusione del Professor Mastrolorenzo, gli americani – racconta il membro dell’ esecutivo nazionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli già assessore provinciale alla Protezione Civile – continuano ad essere molto preoccupati dal Vesuvio e dalla sua eruzione. Dopo gli allarmi lanciati dagli studiosi statunitensi e dagli esperti giapponesi negli Usa adesso spopola una video-simulazione del disastro, che è cliccatissimo sul web. Il filmato è un servizio del programma televisivo “Gaia” che andava in onda fino a qualche anno fa sulla reti della Rai che è stato semplicemente sottotitolato per rendere più comprensibile la ricostruzione del pericolo e della potenza distruttiva del Vulcano napoletano. La tranquillità degli esperti italiani ci lascia senza parole come il piano di emergenza presentato recentemente dalla Protezione Civile Nazionale che individua solo le regioni dove dovrebbero andare eventualmente gli sfollati e allarga la zona rossa. Di prove di evacuazione, segnaletiche speciali sul territorio ed interventi strategici sulle vie di fuga per ora non c’ è nemmeno l’ ombra. E’ probabile che alla fine i vesuviani fuggiranno a piedi e alla meglio come fecero i loro antenati migliaia di anni fa”.

IL VIDEO CHE SPOPOLA IN AMERICA

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.