Fondi Cipe su raccordo SA – AV, l’appello del sindaco di Fisciano per evitare perdita dei 123 milioni di euro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
traffico_raccordo_salerno_avellino_1La possibilità di vedere sfumata la realizzazione della terza corsia sul raccordo autostradale Salerno – Avellino, con conseguente perdita di 123 milioni di euro stanziati per eseguire l’intervento non lascia indifferente il Sindaco di Fisciano, Tommaso Amabile. “Il nostro Comune – ha dichiarato Amabile – metterà in campo tutte le risorse disponibili per tentare di recuperare i fondi Cipe indispensabili per la realizzazione degli interventi sulla bretella Salerno – Avellino.

A sostenerci ci sarà anche l’On. Tino Iannuzzi, che da tempo si sta battendo alla Camera per far ottenere a quest’opera i giusti riconoscimenti e le dovute attenzioni”. “Non dobbiamo dimenticare – ha concluso Amabile – che le maggiori responsabilità di queste perdite finanziarie sono da attribuire al governo Berlusconi, che nel 2009 permise che parte dei fondi europei fossero destinati per il pagamento delle multe dei produttori di latte del Nord”. Oggi, alla base della decisione di ritirare (momentaneamente) i fondi Cipe, ci sarebbe l’impossibilità dell’Anas, presieduta da Pietro Ciucci, di rispettare i tempi di cantierizzazione dell’opera. Entro il prossimo 30 giugno, infatti, l’ente nazionale delle strade non potrà assicurare il proprio impegno fattivo per l’avvio dell’opera, così come comunicato al presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro che, a quanto pare, avrebbe messo in moto le macchine per riuscire a reperire differentemente almeno una parte dei fondi necessari per il raccordo Salerno – Avellino.

La giunta regionale ha infatti appena pubblicato la delibera 39, un nuovo caposaldo degli investimenti sui trasporti. Il documento, con allegati e tabelle, ufficializza una ricognizione di interventi attuati e opere prioritarie, considerate le risorse disponibili con le varie programmazioni europee Por, Fas e relative economie. Come si evince dalla delibera 39, l’ente nazionale delle strade presieduto da Pietro Ciucci ha confessato alla Regione che non potrà fornire al Cipe le «obbligazioni giuridicamente vincolanti» chieste per il 30 giugno. In attesa della soluzione avanzata dalla Regione, che tenterà di recuperare 84,8 milioni di euro sostituendo su interventi in fase “avanzata” i soldi destinati ai progetti “in ritardo”, il Comune di Fisciano ha garantito il massimo impegno per evitare che il Sud perda questa importante 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.