Il sindaco di Agropoli lancia una proposta al Governo Renzi: usare i 10 miliardi di euro per creare nuovi posti di lavoro per i giovani

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Franco_Alfieri_Sindaco_Agropoli-e1386934582838«Le dichiarazioni e le scelte del nuovo Governo sono finalmente la risposta alla richiesta di concretezza del Paese. Rispetto alla manovra economica messa in campo in questi giorni, però, il pragmatismo e la grinta mostrati dal Presidente Matteo Renzi mi spingono a lanciare una proposta secca. Dal momento che è assodato il fatto che i 10 miliardi di euro sono disponibili, anziché produrre un sollievo minimo alle famiglie con una busta paga integrata di neppure 100 euro al mese, sarebbe opportuno valutare il fatto che con queste risorse si potrebbero creare circa un milione di nuovi posti di lavoro, con una retribuzione annuale di circa 10.000 euro all’anno».

E’ questo il punto di vista del sindaco di Agropoli Franco Alfieri che lancia l’idea al Presidente Matteo Renzi e aggiunge: «Se la manovra vedesse come destinatari i giovani, si darebbe respiro ai tanti disoccupati che, purtroppo, nella maggior parte dei casi non hanno neanche l’opportunità di entrare nel mondo del lavoro. Farsi conoscere, sperimentare le proprie potenzialità, formarsi sul campo, sarebbe il modo migliore per ridare fiducia ai nostri giovani ormai rassegnati e, allo stesso tempo, garantire loro un minimo di sostentamento.

Dove collocare questo milione di giovani? Sarebbe certamente lungimirante avviarli al settore dell’innovazione, sia nel pubblico che nel privato. A differenza della manovra immaginata dal Governo si raggiungerebbe un triplice obiettivo: si darebbe una risposta ai giovani che con urgenza devono riacquistare fiducia nel loro futuro, si garantirebbe il necessario sollievo alle famiglie che hanno a carico il sostentamento di uno o più figli, e verrebbe assicurato un significativo impatto sui consumi, vista l’elevata propensione alla spesa dei ventenni.

 

Il disegno potrebbe, tra l’altro, prevedere meccanismi per cui i giovani che con la manovra hanno fatto una loro prima esperienza di lavoro, dimostrando capacità e merito, possano rientrare nel naturale turnover del mercato del lavoro. Un disegno semplice, logico e con un impatto che, se ben strutturato, potrebbe avere effetti significativi sia nell’immediato che nel lungo periodo sui consumi e sulla “speranza!”».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.