Festa del Papà: 8 padri su 10 sognano coccole e attenzioni. L’indagine

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
festa-del-papa-frasi-celebriLa maternita’ e’ da sempre al centro dell’attenzione cosi’ come “l’universo mamma” e’ continuamente sotto la luce dei riflettori. E i papa’? Molti di loro si sentono come il “brutto anatroccolo” e sono vittime di quella che gli esperti definiscono ‘Sindrome da Calimero’: esclusi dal rapporto madre figlio (26%), e talvolta persino ignorati (21%). Non solo, molti di loro hanno speso l’impressione di essere visti come dei veri e propri “bancomat” (34%) e il 45% si lamenta del fatto che spesso vengono messe da parte le loro esigenze, quando basterebbe maggiore condivisione e magari sentirsi, di tanto in tanto, al centro dell’attenzione (36%) per riscoprire la gioia che hanno provato all’annuncio che sarebbero diventati padri (il momento piu’ bello della loro vita per il 54%). Ecco allora che sognano, in occasione della loro festa, di essere un po’ coccolati e viziati (41%), e di ricevere un regalo che li faccia sentire veramente al centro dei pensieri dei propri famigliari. Out regali seriali (64%) e oggetti “utili” (55%), per una volta vorrebbero qualcosa di realmente legato alle proprie passioni e hobby, ma soprattutto un oggetto che possano “godersi” insieme a tutta la famiglia (61%).

E’ quanto emerge da uno studio del Found!, la prima digital strategy communication, realizzato in occasione della Festa del Papa’ e condotto su circa 600 papa’ (con figli in eta’ adolescenziale) attraverso un monitoraggio sui principali social network, blog, forum e community dedicate, per capire quali sono i rapporti con la famiglia, con i figli, con le aspettative, le gioie e i dolori dell’essere padre.

“Essere papa’ oggi e’ difficile piu’ che mai – commenta lo psichiatra Michele Cucchi, Direttore Sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano – soprattutto nel trovare il modo di conciliare il lavoro con la famiglia. E’’ un’alchimia e spesso ne risente il proprio equilibrio interiore. Per loro e’ possibile parlare di ‘Sindrome da Calimero’. Il papa’ vive fisiologicamente una genitorialita’ differente dalla mamma, non necessariamente vincolata alla quotidianita’, meno alla fisicita’, ma non per questo meno intensa. Forse per retaggio culturale, il padre tiene una posizione piu’ distaccata, magari trovandosi a dover supportare la moglie nel suo ruolo di mamma, piu’ che confrontandosi direttamente con il suo vero ruolo. Troppo spesso i papa’ lottano, in uno film muto, senza dare voce al proprio dissidio interiore, con la fatica di trovare un modo per gestire tutto e tutti. La parita’ di ruoli potrebbe essere interpretata come la possibilita’ di schierarsi in prima linea, interpretando il ruolo in modo attivo, inserendosi nella routine dei bisogni e delle mansioni, libero di mostrarsi fragile, spaventato, anche lui con le sue paure. Genitori lo si diventa ad un certo punto, ma fare il papa’ e la mamma lo si impara con l’esperienza”.

La premessa e’ d’obbligo: per il 54% il momento in cui hanno saputo che sarebbero diventati padri e’ indissolubilmente legato ad una enorme gioia, anzi, per moltissimi e’ di fatto il momento piu’ bello della propria vita. Non solo, molti (65%) ammettono che dopo la paternita’ la loro vita e’ cambiata, anche se non come avevano pensato. Ma il 61% si sarebbe aspettato piu’ complicita’ con la propria compagna, cosi’ come la gioia di condividere momenti importanti legati alla crescita dei figli (51%). Il 39% poi gia’ pensava alla solidarieta’ e alla complicita’ che avrebbe saputo creare con i figli.

La situazione reale pero’ sembra essere un po’ diversa: il 26% infatti si lamenta per il fatto di sentirsi spesso escluso dal rapporto madre-figlio cosi’ come non si sentono veramente coinvolti quando si tratta di prendere una decisione (21%). Qualche problema anche in relazione al proprio “ruolo” che per 31% spesso non gli viene riconosciuto. Una situazione che non sembra essere migliorata con il trascorrere degli anni, tanto che il 33% ammette di avere non pochi problemi di rapporti con i figli, cosa che accade soprattutto con i figli maschi (43%), con i quali sembra esserci veramente poco dialogo o complicita’.

Insomma, per molti papa’ il rapporto con la propria famiglia non e’ sempre “rose e fiori”, eppure tutti gli intervistati sono sempre pronti ad emozionarsi “con poco”: basta condividere e vivere insieme qualsiasi momento, anche l’esperienza piu’ semplice, come guardare tutti insieme un programma in Tv o uscire a mangiare una pizza senza che nessuno protesti e dica di voler fare altro (62%), o essere coinvolti dalla propria compagna e dai propri figli in qualcosa che sta loro a cuore (51%).

Ma quali sono le cose che faticano maggiormente a “mandare giu’”? Sicuramente il fatto che spesso le loro esigenze e i loro problemi vengono ignorati, o comunque non tenuti in un gran conto (45%), tanto che molti vedono con angoscia il momento del rientro a casa dal lavoro: tutti scaricano su di loro problemi e stress della giornata, ma nessuno si preoccupa veramente di come e’ stata la loro. Odiano essere tenuti a distanza (37%) o essere presi in considerazione solo in determinati momenti, ad esempio quando servono soldi, tanto che il 34% dice di sentirsi poco piu’ che un bancomat. E in tutto questo, come se non bastasse, molti si lamentano di essere giudicati distratti, assenti o troppo presi dalle loro cose (26%).

I papa’ italiani vorrebbero quindi essere un po’ piu’ considerati dalla loro famiglia, almeno in occasione della Festa del Papa’, che per il 51% e’ l’unico giorno dell’anno in cui si sentono veramente al centro dell’attenzione della loro famiglia. Ecco allora che il 41% vorrebbe essere coccolato e viziato, con un regalo, ma anche con attenzioni particolari alle proprie esigenze e gusti. A loro si aggiunge il 21% che sogna una giornata “da protagonista”, ma soprattutto un giorno in cui si ascoltino veramente le sue esigenze. L’11% si accontenterebbe di essere reso complice dai propri famigliari.

E per quanto riguarda il regalo, cosa sognano e a cosa invece non vorrebbero trovarsi davanti scartando il pacchetto? Assolutamente out, in grado di rovinare la festa piu’ bella, il classico regalo “ripetitivo”, come la cravatta o le pantofole, uguale tutti gli anni (64%), segnale che si tratta di una semplice abitudine, non il desiderio di fare un regalo sentito. E lo stesso vale per il solito “regalo utile” (maglione nuovo, borsa per l’ufficio, ecc.), bocciato dal 55%. No anche al regalo “ironico” (tazza con frase finto-spiritosa, bavaglino con immagine satirica…), condannato senza riserve dal 48%.

Quali sono invece i regali che vorrebbero ricevere per la Festa del Papa’ e che li farebbero sentire veramente coccolati e viziati? Per quei papa’ con un hobby ben preciso la risposta e’ semplice: un oggetto legato ad una loro specifica passione (pesca, modellismo, cucina, ecc.) sarebbe un forte segnale di attenzione (76%), ma in generale il 61% degli intervistati vorrebbe un oggetto da condividere e utilizzare insieme agli altri membri della famiglia, come una macchina da caffe’, un televisore, un abbonamento ai canali satellitari, ecc. E sempre seguendo il fil rouge della “condivisione” e della possibilita’ di vivere un’esperienza insieme al resto della famiglia, il 64% ha indicato come regalo in grado di rendere speciale la prossima Festa del Papa’, un viaggio o una semplice gita da vivere tutti insieme. Il 53% sogna un oggetto unico, (come un orologio, un bracciale personalizzato dai propri figli…) pensato proprio per loro, cosi’ da potersi sentire, per una volta, al centro delle attenzioni della propria famiglia.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.