Fondi UE, Feola: “Rinuncia sospensiva del Comune di Salerno non è sufficiente, resta spada Damocle su piccoli Comuni”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
sindaci-incontro_comune“Ancora una mistificazione della realtà da parte del Comune di Salerno. Accortosi dell´ennessima gaffe, la “tigre di carta” De Luca ha tentato goffamente di rimediare annunciando la rinuncia alla sospensiva presentata contro gli atti regionali che prevedono misure di finanziamento a favore dei piccoli Comuni. Eppure il ricorso (R.G. 1311/14 – Tar Napoli) rimane in piedi, come una spada di Damocle sulle procedure che i piccoli Comuni si apprestano a porre in essere. Il Comune di Salerno dimentica di chiarire che la rinuncia alla sospensiva e´ cosa diversa dalla rinuncia al ricorso, che rimane in piedi per il merito. Cosa accadra´ ove il ricorso del Comune di Salerno dovesse essere accolto (ipotesi, in realta´, assai improbabile) ?

L´effetto sarebbe non solo che tutti gli atti (procedure di gara, etc.) che i Comuni si apprestano a porre in essere sarebbero travolti ma addirittura la spesa relativa ai lavori gia´eseguiti rimarrebbe priva di copertura, con esiti drammatici per i Comuni interessati, gia´provati dalle restrizioni della finanza pubblica”. Lo scrive in una nota l’Avvocato Marcello Feola.

“Se il Comune di Salerno avesse davvero a cuore i piccoli Comuni – continua Feola -, avrebbe dovuto con serieta´e responsabilita´rinunciare del tutto al ricorso, non solo alla “sospensiva”, senza invece strumentalizzarli per tentare (mi pare con scarsi risultati, vista l´ottima risposta del Presidente Caldoro) di “ricattare” la Regione attraverso un “risarcimento compensativo”.

Per dette ragioni, contrariamente a tutti quei Sindaci che partecipando all´incontro con De Luca e condividendone le scelte hanno “svenduto” le loro comunita´in nome dell´appartenenza politica, i Comuni di Aquara, Castelcivita, Roccadaspide, Monteforte, Stio, Campora, Laurino, Moio della Civitella, Vallo della Lucania, Orria, Camerota, Sanza, Castellabate, Contursi, a tutela della propria dignita´e delle proprie comunita´amministrate, andranno avanti nell´azione di contrasto alla deprecabile iniziativa giurisdizionale del Comune di Salerno, costituendosi in giudizio a mezzo del sottoscritto avvocato spiegando un intervento ad opponendum, con il quale chiederanno espressamente che il Comune di Salerno sia condannato al pagamento delle spese processuali per la temerarieta´del ricorso presentato.

Avv. Marcello Feola

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.