Sant’Arsenio: Biblioteca comunale intitolata al maestro Sebastiano D’Amato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Comune_Sant'ArsenioVenerdì 21 marzo 2014, in occasione della giornata mondiale della Poesia, l’Amministrazione Comunale di Sant’Arsenio, guidata dal Sindaco Nicola Pica, procederà ad intitolare la Biblioteca comunale al maestro Sebastiano D’Amato (1868-1950) ancora oggi così ricordato da molti santarsenesi. Esso, fu insigne e laborioso attore della crescita culturale cittadina. Alla sua poliedrica attività si deve  la creazione della prima biblioteca scolastica, che nel 1918, volle intitolata ad Umberto I, principe di Piemonte, e che per il crescente numero di libri venne accorpata a quella comunale (anni ’30).

Al maestro D’Amato, oltre all’attività puramente scolastica gli si riconoscono tre esilaranti commedie in vernacolo santarsenese e un dizionario dialettale, al momento irreperibile. Inoltre, egli fu Giudice Conciliatore; promotore di diverse attività e gruppi locali e tesoriere del comitato d’onore per le celebrazioni commemorative pro Avv. Antonio Cafaro.

Dopo la fase di inventariazione e catalogazione del patrimonio librario, progetto portato avanti dai volontari del Servizio Civile (anno 2010 -Ida De Paola, Maria Luisa Vricella, Cathrine De Leo, Antonio Tierno, Annalisa Terranova, Vincenzo Palermo, Paolo Tierno, Michael Stella, Francesco Pandolfo e Andreina Flora), l’Amministrazione Comunale, con il sostegno organizzativo dell’Associazione di volontariato culturale Agape, ai fini di una prossima apertura e fruibilità della detta biblioteca, ha inteso procedere, con propria deliberazione di Giunta, all’intitolazione. L’appuntamento, fissato per le ore 18:00, nell’Aula Consiliare del Municipio, vedrà la partecipazione della dott.ssa Rosanna Romano, Direttore Generale politiche culturali –Regione Campania; della dott.ssa Barbara Cussino, Direttore Generale Sett. Musei e Biblioteca Provinciali, del prof. Carmine Carlone, storico e autore; dell’editore Francesco D’Amato, della Gaia editrice e del prof. Rino Mele, dell’Università di Salerno, a cui è affidata la prolusione all’evento. La biblioteca, come lo stesso Sindaco ha affermato «è una opportunità, che quest’amministrazione offre ai suoi concittadini. In particolare, desideriamo offrire ai ragazzi, ai giovanissimi e ai giovani del nostro comprensorio una possibilità ulteriore di confronto e di ricerca sulle tematiche, che hanno caratterizzato la storia, la cultura, la lingua, gli usi e le tradizioni del nostro Meridione d’Italia. La biblioteca, oltre ad offrire un nutrito titolario di opere varie, vuole impegnarsi nella raccolta e fruizione di tutti  quei titoli riguardanti la storia e le vicende meridionali». Al momento culturale prenderà parte la Compagnia Eduardo di Sala Consilina e i familiari del maestro Sebastiano D’Amato.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.