Abusi edilizi: la forestale scopre opere abusive nel parco nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
forestale_autoNell’ambito dell’attività di contrasto agli eco-illeciti mirati alla prevenzione e repressione dei reati in materia urbanistico edilizia e di difesa del patrimonio ambientale, gli uomini del Corpo Forestale dello Stato del C.TA. di Vallo della Lucania, hanno denunciato all’A.G. due persone nei comuni di Perdifumo e Castellabate in località “ San Pietro”, e Centola frazione Palinuro, responsabili di aver realizzato manufatti abusivi in un’area sottoposta a speciale tutela.

I reati ambientali venivano perpetrati in zona sottoposta a vincolo idrogeologico, paesaggistico-ambientale, all’interno dell’area Protetta del Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni, ricadente nel territorio dell’Autorità di Bacino Sx Sele.

Il Comando Stazione Forestale di Castellabate, a seguito di esposto, riscontrava in località “San Pietro”, ricadente in agro dei comuni di Perdifumo e Castellabate, la realizzazione di un fabbricato allo stato grezzo, avente una superficie di circa mq 150 e di un manufatto di forma quadrata già ultimato di circa mq. 50.

Le indagini condotte, le acquisizioni documentali esperite e le verifiche effettuate durante il sopralluogo hanno consentito di appurare che le opere erano state realizzate abusivamente, poiché prive del  Permesso a costruire e, in assenza dei Nulla Osta da parte degli Enti preposti.

Accertato l’abuso i Forestali denunciavano a piede libero alla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania il proprietario G.A. responsabile di entrambi i reati, e ponevano sotto sequestro il   fabbricato non ancora ultimato ricadente nel comune di Perdifumo.

Il Comando Stazione Forestale di Pisciotta invece, durante un servizio mirato in materia urbanistico-edilizia, ha accertato in località “Colla” alla frazione Palinuro in agro di Centola, un piazzale in terra battuta, una struttura in lamiera e un manufatto in muratura.

Dalle verifiche effettuate durante il sopralluogo, emergeva la natura abusiva dei lavori, e la sopravvenuta trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio.

Accertato la condotta illecita, le Giubbe Verdi, al fine di evitare che il reato fosse portato ad ulteriori conseguenze, sottoponevano a sequestro tutte le opere edilizie abusive, denunciando a piede libero il sig. R.N. alla competente A.G. di Vallo della Lucania.

 

Il Corpo Forestale dello Stato è quotidianamente impegnato al contrasto del fenomeno dei reati in materia urbanistico edilizi nell’area del Parco, infatti, dall’inizio dell’anno ad oggi salgono a 21 le persone denunciate per il reato di abusi edilizi e deturpamento di bellezze naturali.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.