Battipaglia, Piano casa: un potenziale da 2000 occupati

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

piano_casaSono 8 mila i posti persi in edilizia in provincia, 16 mila se si considera l’indotto, eppure l’edilizia della sola città di Battipaglia è fatta di 60 imprese che potrebbero impegnare anche fino a 2000 addetti. Ma servono opportunità, iniziative che possano rilanciare il settore e l’occupazione, nell’ottica di una programmazione che punti a riqualificare il territorio, ad eliminare aree degradate e dia risposte alle esigenze dei cittadini. Serve una politica di territorio.

“Il Piano casa potrebbe essere una di queste possibilità e l’associazione metterà a disposizione dei cittadini la propria struttura di tecnici per avere, gratuitamente, informazioni su questo strumento”. Lo ha annunciato ieri sera il presidente dell’Associazione Comunità Storia e Futuro, Pietro Ciotti, chiudendo l’incontro organizzato dall’associazione per discutere proprio del Piano casa, presso la sala conferenze del Comune di Battipaglia. Lo ha fatto mettendo allo stesso tavolo gli Ordini degli Ingegneri ed Architetti (il segretario Raffaele Tarateta e la presidente Gabriella Alfano), ascoltando cosa prevede e come realizzare gli interventi (con gli ing. Gerardo Trillo e Matteo Alfinito), ma analizzando anche le sfaccettature diverse di questo strumento con i costruttori dell’Ance (presente il tesoriere, Raffaele Pascale), i commercianti battipagliesi (con il presidente di Confcommercio Battipaglia, Matteo Spera), i lavoratori che vivono – e soffrono non poco in questo momento – con il comparto (Antonio Vuocolo della Filca Cisl).

Le proposte

Pur con alcune contraddizioni, il Piano casa resta un’opportunità di rilancio dell’economia e l’associazione ha lanciato le sue proposte: ridefinire una riperimetrazione delle aree su cui intervenire e, considerando l’iter in corso del Puc battipagliese, integrare le azioni previste con il Piano casa e le esigenze di riqualificazione di aree degradate, affinchè si vada nella direzione di una concertazione di strumenti e norme messe a disposizione per i cittadini.

Nessun investimento su abitazioni “sociali”

Obiettivo è utilizzare soprattutto il patrimonio esistente, non tanto le nuove costruzioni, i mega interventi che oggi non servono più, considerando la contrazione della densità della popolazione battipagliese, che è ferma, se non in fase decrescente. All’incontro un dito puntato contro la Regione, che da troppi anni non investe sulle abitazioni “sociali”, un tempo erano i fondi per le case di edilizia economica e popolare, oggi si chiamano housing sociale, ma mentre i fondi di parte pubblica non ci sono per realizzare le case, si lascia solo ai privati la possibilità di costruire. Privati che non hanno risorse per farlo ed anche l’housing sociale non decolla. In chiusura Ciotti lancia una stoccata a quanti hanno determinato il blocco delle costruzioni di alloggi popolari. “La mancanza di investimenti in questo campo ha determinato situazioni troppo poco chiare. Dal 1995 non è stato investito un euro nell’edilizia popolare, mentre se ne sono spesi centinaia di migliaia in operazioni di polizia per gli sfratti di occupazioni ritenute abusive, per gli affitti pagati a privati e per le famiglie sfrattate, tutto a totale carico dei contribuenti battipagliesi”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.