“Festa degli Alberi” molte le iniziative spontanee della Forestale in Italia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Festa_AlberoDella “Festa degli Alberi” già Plinio ce ne parla richiamando la cerimonia dell’ “Arbor intrat”, in onore di Cibele e di suo figlio Attis, che si celebrava il 22 marzo, con la piantagione di pini domestici. Una tradizione nata nell’antichità e ancora presente in molte civiltà è quella di piantare un albero al momento della nascita di ogni figlio.  Anche in Italia la legge n.10 del 14 gennaio 2013 impone ed obbliga i Comuni sopra i 15.000 abitanti a piantare un albero per ogni bambino registrato all’anagrafe o adottato ma a tutt’oggi tale obbligo è stato disatteso dalla maggior parte dei Comuni.

Nel corso del Medioevo l’attenzione per i boschi aumentò la connotazione religiosa, soprattutto grazie ad alcuni Ordini monastici: Vallombrosani, Camaldolesi, Benedettini. Il fondatore dell’Ordine dei Vallombrosani, San Giovanni Gualberto, patrono dei Forestali, era solito unire l’esecuzione di lavori selvicolturali alla celebrazione di un rito di ringraziamento, in presenza di una moltitudine di  persone, soprattutto di poveri, ai quali venivano distribuiti cibo ed altri doni. A seguito dell’istituzione della “Giornata forestale mondiale” fissata per il 21 marzo e promossa dalla Fao nel 1971, in alcune regioni d’Italia si è fatta coincidere tale ricorrenza con la festa degli alberi.

Nel 2001 l’allora Ministro delle Politiche Agricole e Forestali Alfonso Pecoraro Scanio insieme al collega Ministro della Pubblica Istruzione, Tullio De Mauro, ripristinarono con un decreto interministeriale la “Festa dell’albero” da tenersi il 4ottobre e il 21 marzo di ogni anno in tutte le scuole d’Italia. Anche se oggi è il 25 marzo a partire dalle ore 9,30 e fino alle ore 13 presso l’Istituto dell’Infanzia e Primaria Paritaria  “S. Teresa del Bambino Gesù” si festeggia l’albero, all’esito di un percorso formativo che ha condotto i giovani scolari attraverso conoscenze,consapevolezze,comportamenti e capacità di azione a livello individuale e sociale idonei a perseguire la sostenibilità ambientale, economica ed istituzionale,  ed in particolare a rispettare la natura attraverso  metodi e strumenti educativi, partecipativi e comunicativi.

Il Corpo Forestale dello Stato, attraverso il Nucleo Operativo Cites  di Salerno diretto dal Comandante Ispettore Sup. Dr. Franco Nicodemi, ha aderito alla richiesta della scuola di concerto con i funzionari  della Regione Campania dell’Unità Operativa Dirigenziale  Foreste  Servizio Territoriale della Provincia di Salerno nelle persone del  Dr. Antonio Tabasco e Dr. Antonio Paolillo.  Tutti insieme hanno elaborato  un significativo intervento divulgativo anche di tipo audiovisivo per i bambini della scuola che accanto alla celebrazione dell’albero, simbolo di rispetto ed amore per la natura, ha tenuto conto anche dei concetti di riscaldamento globale,  gestione dei rifiuti,  biodiversità ed ecosostenibilità.

Sono stati portati in visione ai bambini anche parti di animali lavorate ed animali imbalsamati e vivi oggetto di confisca per spiegare la Convenzione di Washington relativa al commercio internazionale delle specie di fauna e flora minacciate di estinzione.  Nell’ambito della manifestazione, all’aperto, con l’aiuto del Medico Veterinario Dr. Pasquale Raia, i bambini hanno poi ridato la libertà, facendogli spiccare il volo dalle loro gabbie di degenza, ad uccelli provenienti dal Centro Recupero animali selvatici dell’Istituto di Patologia e Sanità animale dell’Università Federico II –Facoltà di Medicina Veterinaria, presso il presidio Ospedaliero Veterinario di Napoli ASL Na1 centro ex Frullone.

I giovani ecologisti, dopo aver studiato con i Forestali le parti di una pianta e le relative tecniche di trapianto, hanno concluso la cerimonia celebrativa con l’affidamento di una pianta forestale ad ognuno dei 250 bambini del plesso scolastico, gentilmente offerte dai vivai forestali della Regione Campania, unitamente ad un vasetto per il trapianto. I bambini, nella circostanza, si sono  impegnati a ricevere, custodire e coltivare  la loro pianta promettendo di trattarla con la stessa cura con cui  i genitori trattano i propri figli.

Il prossimo appuntamento con la cultura delle 3 A (Ambiente, Agricoltura ed Alimentazione) è previsto per mercoledì prossimo 2 aprile p.v. sempre presso l’Istituto dell’Infanzia e Primaria Paritaria  “S. Teresa del Bambino Gesù “ di Salerno,  dove  dal connubio tra il Corpo Forestale dello Stato e la Regione Campania si affronteranno concetti di vivere sano, attraverso una corretta alimentazione ed una equilibrata scelta dei cibi anche porgendo la dovuta attenzione alle etichette ed alla tracciabilità dei prodotti alimentari che compriamo, soprattutto se diretti a dei bambini.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.