Coda di Volpe e Macchia Soprana, Calabrese (Sel): «Provincia smetta di scrollarsi di dosso le sue responsabilità»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
«Ancora una volta l’assessore all’Ambiente della Provincia di Salerno si scrolla di dosso ogni responsabilità sulla gestione delle discariche post mortem e, più in generale del sistema dei rifiuti, scaricando tutto addosso alla Regione e ai Comuni. Dopo le iniziative dei cittadini di Eboli che chiedono la risoluzione del problema del sito di Coda di Volpe, l’assessore Bellacosa prima convoca un tavolo tecnico per lunedì 31 marzo ma poi, sapendo di non poter dare nessuna soluzione definitiva, mette le mani avanti dichiarando sulla stampa che Palazzo Sant’Agostino non ha i soldi per poter mettere mano alla bonifica anticipando così il fallimento di un incontro che, a questo punto, è servito soltanto per avere qualche riga in più sui giornali e non per dare finalmente delle risposte concrete.

Le sue affermazioni sono ormai diventate un “claim” pubblicitario: “da anni – dice Bellacosa – il dipartimento di Protezione Civile scrive alle Province chiedendo la quantificazione delle somme da trasferire per la gestione e la chiusura delle discariche. Il nostro ente ha provveduto ma il Governo non ha ancora stanziato le somme più volte promesse”.

Poi, come se non bastasse, tira in ballo la recente legge regionale sul riordino del servizio integrato dei rifiuti, che ha stabilito che le competenze in materie ritornino in capo ai Comuni. Ma, vista anche la solerzia con cui la giunta regionale sta perseguendo il cammino verso la reale attuazione della legge (il 17 marzo era stata convocata la prima Conferenza Regione Autonomie Locali alla quale l’assessore regionale all’Ambiente, Giovanni Romano, non si è presentato), il cammino sembra essere davvero lungo. La data del primo luglio, quando per legge si dovrebbe attivare tutto il sistema definito dal nuovo quadro normativo, non sarà rispettata. E intanto, le recenti denunce che arrivano da Serre, dove una frana all’interno della discarica di Macchia Soprana rischia di crollare su oltre 800mila metri cubi di rifiuti, ci segnalano l’evidente degrado in cui versano questi siti, prima gestiti dai Consorzi di Bacino e, da qualche mese, in capo alla società provinciale Ecoambiente». È quanto afferma in una nota il segretario provinciale di Sinistra Ecologia Libertà, Gerardo Calabrese.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.