Cile: terremoto di magnitudo 8.2 e tsunami. Il VIDEO della scossa in diretta

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
scossa_terremoto_sismografo-e1371817071952Santiago del Cile – Mancavano pochi minuti alle 19 (in Italia, pochi minuti alle 2), la parte settentrionale del Cile ha tremato ed è subito scattata l’allerta tsunami: nella notte, migliaia di persone si sono dovute allontanare dalla costa; e puntualmente, poco dopo la violenta scossa di magnitudo 8.2, le prime onde(alcune alte anche poco più di 2 metri) si sono abbattute sulle spiagge di alcune località. Dopo i primi dati, lo United States geological survey (Usgs) ha rivisto al rialzo la magnitudo del sisma, definito da tanti cileni «molto lungo», prima stabilita a 8; rivisti anche i dati di ipocentro ed epicentro, rispettivamente a 20,1 chilometri di profondità e 95 chilometri a nord-ovest di Iquique, dove ci sono stati danni all’aeroporto e alcune delle abitazioni più fragili sono crollate. E non sono mancate le “repliche”, 5-6 di media intensità, tutte comunque ben al di sotto degli 8 gradi.

Le autorità hanno subito chiesto l’evacuazione preventiva della popolazione sul «100% della costa» del paese, lunga 4300 chilometri: la scossa è stata molto violenta, e in effetti anche Perù ed Ecuador hanno subito diffuso a loro volta un allarme tsunami sulle coste del Pacifico, poi rientrato. Secondo dati del governo, in Cile le onde più alte sono state quelle arrivate a Iquique, circa 1800 chilometri a nord di Santiago. In alcune città sono state chiuse le scuole. Il ministro ha d’altro lato smentito versioni circolate su presunti saccheggi nelle località costiere del paese, che però sono stati segnalati da più fonti a Iquique. Nella stessa città, circa 300 detenute di un carcere femminile sarebbero riuscite a fuggire durante la confusione e gli attimi di terrore del terremoto; alcune di loro sarebbero state poi catturate. Il Cile, uno dei paesi più colpiti al mondo dai terremoti, è così ripiombato nell’incubo sisma, che ben conosce: oggi la terra ha tremato nel Nord, il 27 febbraio del 2010 era capitato nel Centro-Sud, con un bilancio (soprattutto a causa del successivo tsunami) di 526 morti e 25 “desaparecidos”, oltre all’ingente distruzione delle infrastrutture e le abitazioni. Allora la scossa fu di magnitudo 8.8.

Giappone, possibile tsunami fino a un metro. Il Giappone valuta se lanciare un “chui hou” (“avviso di attenzione”, di secondo livello su 4) per l’arrivo dello tsunami, causato dal sisma di magnitudo 8,2 avuto ieri sera in Cile, con altezza compresa tra 20 cm e 1 metro. Lo ha reso noto la Japan Meteorological Agency (Jma), secondo cui la decisione finale sarà presa nelle prossime ore. L’isola settentrionale di Hokkaido, nelle proiezioni, dovrebbe essere la prima a essere raggiunta dall’onda anomala intorno alle 5 di domani (le 22 di mercoledì in Italia).

IL VIDEO

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.