Riforma dei porti, Carrara accorpata a La Spezia e Salerno a Napoli?

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Porto_commerciale_SalernoI porti della Spezia e di Carrara sotto un’unica bandiera? Non è forse l’ipotesi più probabile, ma non è escluso che il tema diventi di attualità man mano che ci si avvicinerà alla messa in pratica della riforma dei porti. Ieri è stata presentata la versione del Partito Democratico, che è piaciuta al ministro Maurizio Lupi, a quasi tutti i presidenti delle maggiori Autorità Portuali italiane e – cosa non del tutto scontata – al Pd stesso. Al centro del progetto la decurtazione proprio delle Ap, nel nome di una razionalizzazione del sistema degli scali e con la promessa che insieme al taglio arriverà anche la tanto sospirata autonomia finanziaria.
Quello che insomma potrebbe succedere a breve, è che dalle ventiquattro Port Authority di oggi si passerà a sole quattrodici, “aggiornandone le funzioni attraverso la possibilità di integrarsi tra loro e con altri soggetti operanti nella filiera logistica”, recita il progetto di riforma democratico.

I nuovi organi di controllo, che quindi avranno giurisdizione su più di uno scalo, saranno tendenzialmente individuati tenendo conto delle reti transeuropee di trasporto TEN-T. “Passare da un mosaico a una rete”, aveva detto presentando il progetto continentale il vicepresidente Ue Siim Kallas fissando la data al 2030. In Italia i core ports individuati saranno dunque sede delle nuove super-Ap. Si tratta di Genova, la Spezia, Livorno, Napoli, Gioia Tauro, Palermo, Augusta, Cagliari, Taranto, Bari, Ancona, Ravenna, Venezia e Trieste, mentre a rischio sarebbero Brindisi, Catania, Nord Sardegna, Marina di Carrara, Messina, Piombino, Salerno, Savona e Manfredonia.
Tra Mar Ligure e Nord Tirreno il quadro è in parte definito dalla logica e in parte ancora da decidere. Savona inglobata da Genova sembra un approdo inevitabile, così come il passaggio di Piombino sotto Livorno. Due passaggi che non mancheranno di sollevare qualche polemica politica viste le implicazioni anche di natura “storica” di vedere le sorti del porto savonese decise a Genova. In Toscana poi il progetto di creare il marchio Tuscan Ports, sul modello del cartello Ligurian Ports, era stato affossato sul nascere proprio dal desiderio di Piombino di tenere a distanza l’ingombrante vicino livornese.

Disegno che potrebbe rinascere oggi dando a Livorno giurisdizione su tutti e tre gli scali toscani, compreso dunque anche Marina di Carrara. Un porto piccolo, che non lavora con i container e neanche nel mercato delle crociere, ma che da tempo sogna una stazione marittima per entrare anche lei nel business sfruttando la posizione vantaggiosa sia per raggiungere le mete toscane che le Cinque Terre e il Golfo dei Poeti.
Si capirà di più nei prossimi giorni. Il desiderio del governo sarebbe quello di licenziare la riforma prima delle elezioni europee.

Fonte: Città della Spezia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.