Usb Salerno, assolto e reintegrato Michele Tassaro: aveva denunciato la scabbia al Cardarelli di Napoli

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Carabinieri_OspedaleAd ottobre 2013 in un reparto di Medicina del Cardarelli il personale risultò affetto da una sindrome di sospetta scabbia. A fronte delle proteste del personale che chiedeva tutela vi era l’immobilismo della direzione aziendale. Intervenne allora pubblicamente il nostro rappresentante Michele Tassaro, delegato RSU ed RLS, che denunciò la situazione.

Dopo gli interventi di Tassaro il personale fu sottoposto a visite medico-legali e si fece una parziale disinfezione del reparto. Il Tassaro chiedeva anche la tutela prevista per legge dei pazienti (con loro monitoraggio) che l’azienda in alcun modo ha fatto. I lavoratori si sono curati a spese loro (anche se dopo, stranamente, l’azienda ha affermato di averli sottoposti a trattamento).

Dopo tale caso l’azienda nella sua espressione massima ha deferito il Tassaro alla commissione di disciplina per allarmismo e danno dell’immagine.

Il Tassaro dimostrò che aveva svolto il suo ruolo di rappresentante sindacale e che grazie all’inefficienza del Cardarelli si era permessa la diffusione del Contagio. Infatti l’unico degente del reparto, nel periodo in esame, che si riuscì a monitorare dopo la dimissione sviluppò la scabbia. Inoltre segnalò che non si erano seguiti i protocolli del caso per appurare con sicurezza la presenza della scabbia con i necessari prelievi bioptici. Infatti qualche dipendente che lo ha fatto a sue spese in struttura privata è risultata infetta da scabbia. Mentre l’azienda negava persino i suoi stessi atti affermando che non vi erano stati casi di scabbia.

Nonostante questo, ignorando i ruoli sindacali del Tassaro la commissione disciplinare condannò il delegato RSU a due mesi di sospensione. La direzione andando contro la legislazione vigente aveva persino disposto che non dovesse avere alcuna retribuzione(né assegni familiari nulla).

Dovette intervenire la segreteria regionale USB affinché la direzione del Cardarelli non negasse al Tassaro anche ciò che non poteva negargli e ,poi, si dovette ricorrere in Tribunale contro una disposizione antisindacale che mirava soprattutto ad ottenere il silenzio .

Oggi 1.4.2014 il Tribunale di Napoli ha accolto tutte le nostre richieste con il reintegro imme-diato del Tassaro ed il pagamento dello stipendio.

Questo significa che la Procura riconosce che :

1- Il Tassaro ha fatto il suo dovere di rappresentante sindacale a tutela dei lavoratori;

2- L’”AORN “A. Cardarelli” non ha fatto ciò che doveva a tutela di pazienti, lavoratori e cittadinanza.

E’ UNA VITTORIA DI TASSARO E DELL’USB MA SOPRATTUTTO DELLA VERITA’ .

Usb Federazione Provinciale Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.