Associazione a delinquere, i Mastella a processo. Leader Udeur: “Inaudito”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
mastella_Il leader dell’Udeur Clemente Mastella, la moglie Sandra Lonardo e altre 17 persone sono state rinviate a giudizio per associazione a delinquere. Lo ha stabilito il gup del Tribunale di Napoli Maurizio Conte. Il processo comincerà il prossimo 18 giugno. Secondo l’accusa, l’attività dei vertici dell’Udeur in Campania era finalizzata “alla commissione di una serie indeterminata di delitti contro la pubblica amministrazione,e soprattutto all’acquisizione del controllo” dei concorsi pubblici.

Dopo essere stato già prosciolto da un primo giudice del Tribunale di Napoli per lo stesso identico supposto reato, vengo rinviato a giudizio perché sarei stato ‘il capo di un’associazione per delinquere chiamata Udeur’ ovvero capo di un partito politico. Rinviato a giudizio ma non mi viene addebitato nessun fatto specifico. Mai nella storia repubblicana italiana si era verificata una tale circostanza. E dire che l’Udeur ha contribuito ad eleggere presidenti della Repubblica e primi ministri”. Così Clemente Mastella.

“Pazienza! Sono paradossalmente contento (anche se c’è in me una drammatica amarezza) perché così avrò modo di dimostrare, nel giudizio di merito, in Italia ed in Europa, la singolarità oltre che l’insussistenza dei rilievi penali che mi vengono mossi”, aggiunge Mastella. “Tra gli altri, quello (ed è solo uno dei tanti paradossi) di aver concusso il Direttore generale di una Asl di Napoli per far diventare primario una persona che non ho mai conosciuto e che, soprattutto, era già primario da ben 5 anni. Per il ruolo istituzionale che ho ricoperto (e non so se feci bene ad accettare quel Ministero) io continuo a credere nella giustizia e ad avere fiducia, anche se non posso non constatare che, quando si ha di fronte il muro del pregiudizio, ogni battaglia di verità risulta oltremodo difficile. Comunque sia, vado avanti a testa alta e resto convinto dell’indipendenza di chi ora sarà chiamato a giudicarmi”, conclude l’europarlamentare uscente.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Lei è una di quelle tante persone delle quali ci si vergogna ad essere meridionali (compresa sua moglie che non si è mai saputo quale competenza politica abbia avuto).

  2. Berlusconi pregiudicato condannato , Cosentino in galera, Dell’Utri latitante, Mastella a processo per associazione a delinquere, e portrei , Fitto sotto processo, Verdini sotto processo e continuare all’infinito. La domanda mi sorge spontanea… quindi ,visto che Berlusconi non potra’ vedere indagati e simili , quest’uomo con chi caxxo parla?

  3. Sei proprio un comunista che non mangia più i bambini,ma vi state mangiando tutta l’Italia!!!! Sgonfiati santone del sud e pulisciti perché puzzi. Un liberale anti-comunista

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.