Vandalismo sfrenato accanto al Duomo, frase d’amore di un idiota “sporca” il muro della Curia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
14
Stampa
vandali_duomo_salernoSalerno si è risvegliata con una scritta lunga una decina di metri realizzata da un ragazzo che si definisce “perfetto” ma di fatto non lo è. Il giovane ha pensato di utilizzare la parete dell’arcivescovado in via Roberto il Guiscardo per lasciare un messaggio alla sua amata PATA’. Sul muro si legge: “14/04/2014 Un mese di follie con te…Forse non sarò il ragazzo perfetto ma sappi che il mio cuore ha imparato ad amarti. Sei la mia vita amore mio. Ti amo Patà”

Finita l’epoca delle serenate sotto le finestre o ai balconi delle proprie amate, i corteggiatori dalla zona orientale al centro sempre più frequentemente utilizzano i muri degli edifici per dediche d’amore.

In passato il primo cittadino di Salerno De Luca non aveva mancato di denunciare «virtualmente» gli autori di tali opere. La dedica «Frullino sei il mio battito d’ali» apparsa in via Salvatore Calenda, aveva fatto scattare la consueta e proverbiale dichiarazione al veleno di De Luca che aveva persino lanciato un consiglio alle destinatarie di tali murales: «Sono degli imbecilli. Ragazze, per una questione di metodo, se voi trovate un ragazzo così imbecille da scrivere questi messaggi prima lo lasciate e meglio è perché non è buono. Uno che scrive certe cose è un cretino. Io mi auguro almeno che con l’aiuto delle ragazze noi riusciamo a contenere questi fenomeni di “messaggeria” patetica».

Messaggeria patetica anche davanti al Duomo uno dei luoghi simbolo della città. I cittadini invocano controlli per porre termine a queste inciviltà.

scritta_curia_salerno_1 scritta_curia_salerno_2 scritta_curia_salerno_3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IL VIDEO DELLA SCRITTA 

 

INTERVISTA A DON ALFONSO D’ALESSIO

 

 

DE LUCA CONTRO “FRULLINO” IL VIDEO

 

 

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

14 COMMENTI

  1. se lo avessi incontrato lo avrei appiccicato allo stesso muro….
    cmq le telecamere lo avranno inquadrato e sarà riconosciuto, facciamo cke la sua lingua cancelli tutto

  2. Quella del graffitismo becero è una piaga antica che sconvolge tutte le città. In genere si pratica di notte lontano da occhi indiscreti. In questo caso dovrebbe essere facile la identificazione sia per le eventuali riprese video sia perché dev’essere un soggetto del luogo. Col passaparola si può arrivare all’autore. Se non ci sono denunce, però, gli metti il sale sulla coda.
    P. S. Cara Pata, accogli il consiglio del sindaco e togliti questo RAGGAZZO (sarà sardo?) di torno. Si schiuderanno sicuramente per te ben altri orizzonti.

  3. che poi per aver scritto “raGGazzo” con due G, questo deve essere ritardato forte…come avrà fatto ad indovinare il “sappi che”? io sono un anti-deluchiano convinto, ma devo ammetterlo: su queste cose ha dannatamente ragione.

  4. Ma le telecamere installate qualche anno fa a controllo del centro storico non in funzione?

  5. 1 individuarlo con le telecamere
    2 condannarlo a risarcire i danni arrecati e a ristabilire le condizioni prima del danneggiamento.
    3 denunciarlo penalmente e condannarlo ai sensi della legge penale
    4 passera la voglia di ripetere il gesto a lui e ai suoi simili

  6. ma il problema non è solo la scritta fatta sul muro della curia, qui si tratta che tutta la città è imbrattata e nessuno fa nulla

  7. La ragazza fantomatica è Patà con l’accento sulla a. Forse è una taglia forte, chissà. La sensazione è che l’errore di doppia G sia voluto. L’impostazione della frase è sostanzialmente corretta e ci è difficile credere che l’autore, seppur sciocco, si sia prodotto in un errore così grossolano.
    La natura del messaggio ci sembra un’invocazione di perdono post-Palme da parte di un “lasciato”. A questo punto però ci sentiamo di rivolgere, senza drammatizzare, un affettuoso consiglio a Patà.
    Cara Patà, dacci ascolto, fino a quando si tratta di scenatine di gelosia o di un eccesso di possessività, puoi anche perdonarlo con diffida; se però ha il vizietto di alzare le mani non esitare a denunciarlo.

  8. Ci vogliono pene pecuniarie salate ed esemplari, perchè ormai quelle penali non fanno paura più nessuno! Purtroppo manca sempre la certezza del reato e della successiva condanna, perchè c’è sempre qualche scappatoia…

  9. Proprio perche’ scrive che non e’ perfetto scrive RAGGAZZO con due GG , possibile che nessuno lo ha capito?
    Comunque in ogni caso ciavessna taglià a cap.
    BYe

  10. speriamo che venga individuato subito questo deficiente ignorante e venga condannato ad un risarcimento molto alto e a ripristinare subito la decenza del luogo .
    ma non facciamogli altra pubblicità

  11. Patà, andate tu e lui con lo straccio e pulite tutto. Oppure tu lo sorvegli mentre lui pulisce.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.