Paestum: vende casa costruita nell’area archeologica ed adagiata su antico anfiteatro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
temple-of-cerere-athena_paestum_salernoVendesi/affittasi caratteristico bilocale di 60mq, interamente adagiato su antico anfiteatro romano in area patrimonio dell’umanità, dotato di servizi, cucina, sottotetto, camere con vista Templi ed annesso giardino di circa 500mq, immerso nella magnifica area archeologica di Paestum: proprietà privata, prezzo 450.000 euro (trattabili). Non è uno scherzo ma è l’incredibile storia che arriva da Capaccio Paestum raccontata dall’emittente StileTV.it Annuncio immobiliare che fa discutere per la posizione del cespite tra le poche regolarmente accatastate al Comune di Capaccio nell’area protetta dalla Legge 220/57.

L’immobile è stato edificato agl’inizi del ‘900 direttamente sui blocchi squadrati della gradinata e del muro di terrazzamento perimetrale del versante orientale (sotterrato e mai riportato alla luce) dell’anfiteatro.

“Quindi, chi è interessato ad acquistarla – sottolinea il proprietario a StileTV– non solo si compra una bella casa in un posto unico al mondo, ma anche mezzo anfiteatro romano… o meglio ci abiterà proprio sopra”.

L’ARENA DELL’ANTICA POSEIDONIA. ‘Tagliato’ in due dall’antica Via delle Calabrie, realizzata dai Borboni nella seconda metà del ‘700, oggi dell’anfiteatro di Paestum è visibile solo il versante occidentale. Risalente all’epoca cesariana (50 a.c. circa), è tra gli esempi più antichi e ben conservati al mondo di questo genere di edifici. Costruito a terrapieno con blocchi di calcare, fu ampliato nel II secolo d.c., forse per ordine degli imperatori Flavii. La struttura ellittica è caratterizzata da una serie di arcate poggiate su pilastri in laterizio. L’entrata è rappresentata da una volta a vela con due porte laterali ad arco, che davano accesso alla cavea. L’arena non è molto ampia, ma è dotata di balteo, un parapetto abbastanza alto realizzato per evitare contatti tra il pubblico e gli animali feroci che si ‘esibivano’, poggiante su un corridoio dove le bestie stazionavano prima di entrare nell’arena.

Fonte StileTV

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. Bisognerebbe chiedere ai beni culturali se è possibile acquistare anche l’altra parte del’anfiteatro…, ritenendola semmai una pertinenza della casa

  2. c’e’ poco da ridere, che paese? se l’Italia non ci fosse la si dovrebbe inventare. Cosa dire, immagino uno straniero che legge questo avviso, chiederà conferme tanto che gli parrà inverosimile quanto legge, non credete?

  3. ridiamo per non piangere … l’importante è che i politici guadagnino i loro migliaiia di euro. P.S. W I POLITICI ABBASSO I LAVORATORI

  4. la casa è stata costruita, come riporta l’articolo, nei primi del 900, più di 100 anni fa, se andiamo a vedere nel centro storico di Salerno (come in tutta Italia) in passato era prassi normale costruire su fondamenta di costruzioni più antiche… ci sono tante porcherie che poggiano su autentiche opere d’arte

  5. Io mi preoccuperei maggiormente di abominevoli e recenti realizzazioni edilizie effettuate a Salerno invece che dare risalto ad uno struttura realizzata cent’anni fa ancorché regolarmente accatastata ……………………… Detto questo la provincia di Salerno ……………..ops pardon …………….. la provincia di Salerno non esiste più …………..la regione Campania se ha a cuore la “casa” archeologica perché non fa la sua offerta ? Giuseppe dal Cilento

  6. ben detto Giuseppe dal Cilento. Non solo togierebbe dei privati da possbili speculazioni, ma riporterebbe alal luce anche l’altra parte di anfitestro. Con tutti i soldi che si buttano al governo, non si trovano 450 mila euro? Mah…

  7. ben detto Giuseppe dal Cilento. Non solo togierebbe dei privati da possbili speculazioni, ma riporterebbe alal luce anche l\’altra parte di anfitestro. Con tutti i soldi che si buttano al governo, non si trovano 450 mila euro? Mah…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.