Basket Femminile A2: finale conquistata della PB63 Lady Battipaglia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
PB63_festaLa finale è nostra. Per il secondo anno consecutivo la PB63 Lady è una delle regine indiscusse del campionato di serie A2. E proprio come l’anno scorso anche questa volta niente da fare  per la Lpa Ariano Irpino. Senza se e senza ma il lavoro di un anno e mezzo sta ripagando di settimana in settimana in modo impeccabile, con la mentalità Riga che è ormai ben impressa nella testa della squadra. L’ennesima prova di maturità è arrivata anche in gara 2 di semifinale playoff. Nessuna paura ed in campo con la consapevolezza di essere una delle migliori formazioni di serie A2.

Treffers colpisce dall’arco dopo due minuti e mezzo per il primo vero vantaggio (2-7), Riccardi poi costringe Agresti al primo timeout della gara. Ma al rientro in campo è sempre più un monologo delle Lady: Orazzo piazza la tripla del +10, Treffers si fa largo nel pitturato con un gioco da tre punti, il capitano invece mette nuovamente la sua firma con un’azione in transizione condotta dal rimbalzo al palleggio, arresto e tiro che vale tre punti ed il 4 a 24.

Ma è sempre un playoff ed allora i colpi di scena sono ovviamente dietro l’angolo. Nel secondo quarto Ariano stringe le maglie in difesa e parte con maggiore facilità in contropiede. Sarni e Santabarbara fanno il grosso, Maggi invece regala il -5 con un gioco da tre punti. Ma le Lady mantengono sempre la testa avanti, anche quando Ariano mette il turbo ad inizio terzo periodo con Santabarbara che regala il -3 alle padroni di casa. Chesta potrebbe anche azzeralo ma il suo tiro dal perimetro è sputato dal ferro, cosa che non accade a Ramò nell’azione seguente e così pian piano Battipaglia ritorna sulla doppia cifra di vantaggio con grande maturità e con tanto lavoro sporco di Ferretti e Russo (per Ariano alza bandiera bianca Dominguez per un colpo al naso).

Si arriva così ai dieci minuti finali, quelli che consacrano la PB63 Lady. A 6:28 una liberissima Orazzo realizza il canestro del +11 che obbliga nuovamente Agresti alla sospensione. Sarni prova a tenere in vita le sue ma non aveva fatto i conti con il capitano Riccardi che segna anche da metà campo senza neppure far muovere la retina. Il suo canestro da il là ad una festa condivisa con più di cento tifosi giunti da Battipaglia: “La città di Battipaglia merita questi momenti, ma non vogliamo fermarci. Il 27 vogliamo rivedere lo Zauli pieno per provare a rendere questo sogno una realtà“, il post-gara del patron Giancarlo Rossini.

LPA ARIANO IRPINO- PB63 LADY 51-68

(8-24, 30-37, 40-50)

Ariano: Santabarbara 8, Aversano ne, Rossi 3, Albanese ne, Chesta 2, Maggi 18, Dominguez 2, Mancinelli, Narviciute 10, Sarni 8. Coach: Agresti

Pb: Orazzo 16, Russo A. ne, Ferretti 4, Riccardi 21, De Pasquale, Treffers 20, Russo F., Diouf ne, Ramò 5, Minali ne. Coach: Riga

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.