Salerno: marocchino armato di coltello semina il panico in pieno centro, arrestato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
15
Stampa
auto-polizia-da-dietro-salernoVenerdì mattina, sul Corso Vittorio Emanuele di Salerno e in zona Carmine si sono vissuti momenti di panico tra i cittadini, causati da un uomo di nazionalità marocchina che, armato di coltello, si aggirava per le strade del centro cittadino minacciando chiunque gli capitasse a tiro. Lo straniero, con atteggiamento estremamente minaccioso, ha costretto molti cittadini salernitani, dediti allo shopping, a rifugiarsi all’interno di esercizi commerciali per sfuggire alle sue pericolose attenzioni. Al numero di emergenza “113” sono giunte diverse segnalazioni fatte da persone spaventate che ne hanno indicato gli spostamenti sul Corso Vittorio Emanuele, su Via Diaz e poi in zona Carmine.

Lo straniero è stato individuato dall’equipaggio di una volante presso il Largo Sinno, in zona Carmine, dove i poliziotti, intervenuti per bloccarlo e renderlo inoffensivo, sono stati fronteggiati dal nordafricano che ha brandito il coltello nel tentativo di allontanarli per fuggire. L’uomo è stato ben presto bloccato, disarmato ed identificato per M. A., marocchino di anni 36, già noto alle forze dell’ordine per precedenti di Polizia e registrato in banca dati con diversi alias. Il controllo della sua posizione in ordine alle vigenti leggi sull’immigrazione ha fatto emergere, inoltre, la sua irregolare presenza sul territorio nazionale, in quanto sprovvisto di permesso di soggiorno ed inottemperante a precedenti ordini di espulsione. M. A. è stato, pertanto, arrestato per minacce e resistenza a Pubblico Ufficiale, porto abusivo di arma da taglio e si procederà nei suoi confronti con i dovuti provvedimenti anche per le violazioni della legge sull’immigrazione.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

15 COMMENTI

  1. Scusate ma se era gia noto alle forze di polizia, solo ora si sono accorti che non aveva il permesso di soggiorno?

  2. Quand’è che riportiamo questi nullafacenti nel loro paese d’origine?Dobbiamo aspettare che anche qua ritorni l’estrema destra tipo Le Pen?

  3. e’ andata bene poteva scapparci il morto…ricordate il picconatore condannato a 20 anni qualche giorno fa.. io penso che chi non lavora o studia in Italia o peggio ancora ha precedenti penali deve essere rispedito a casa sua…..qua di guai ne abbiamo gia’ troppi…

  4. x bah; purtroppo la procedura, funziona in questo modo: il soggetto viene fermato, e portato presso l’ufficio stranieri della questura; identificato, sottoposto a rilievi foto dattiloscopici; con questi elementi, si va alla scientifica, la quale compara i rilievi con quanto presente nel database del ministero; alla fine, con una sfilza di reati, si ritorna all’ufficio stranieri, dove viene emesso o un ordine di accompagnamento al c.i.e., o un decreto di espulsione; nel primo caso, la volante deve accompagnare il fermato presso il c.i.e. disponibile ( sono a bari, bolzano, ponte galeria, lecco ecc…)anticipando le spese; se non ci sono posti disponibili, si procede alla seconda opzione, cioe’ si da all’interessato un decreto di espulsione firmato dal Questore, col quale lo si intima di lasciare il territorio dello Stato entro 48 ore, e lo si accompagna alla porta degli uffici; tempo occorrente: minimo 18 ore, salvo quanto occorre per l’eventuale accompagnamento al cie. Dopodiche’, lo straniero, si allontana, cambia citta’, cambia nome e continua come prima. Tu dici e la Polizia? io dico: GRAZIE POLITICI, di averci regalato anche questa chicca……

  5. Spero solo che una volta in caserma si sia preso almeno un paio di calci nei denti… ah no, scusate… dimenticavo che siamo in Italia, paese nel quale un rappresentante delle forze dell’ordine è considerato un violento se mena qualcuno, anche se questi ha assunto comportamenti violenti e fuorilegge, mentre invece, se viene aggredito, ferito con una bottigliata, una spranga od un coltello, l’autore del gesto é considerato una povera vittima del “sistema”…

  6. Mi vengono in mente tutti i nostri bravi ragazzi, loro si che sono da esempio! Come quando uccisero quel ragazzo davanti un locale a Vietri, oppure dell’accoltellamento in pieno pomeriggio in via Carmine qualche mese fà, oppure il tentato omicidio davanti il cinema medusa, e dei vari accoltellamenti davanti le discoteche….
    Per riassumere “vogliamo che in Italia delinquano solo gli italiani” , o meglio “criminali a casa nostra”….continuo…?

  7. E ORA DI CAMBIARE CAMBIAMO LE LEGGI SE NON HANNO UN REDDITE DEVONO ANDARE VIA BASTA SIAMO STUFI DELLA CHIESA DELLA CARITAS E DI TUTTE LE PERSONE CHE CI MARCIANO ADESSO VOGLIONO PURELA CASA IO CHE DEVO FARE CON 1000 EURO AL MESE E FACCIO I SALTI MORTALI VERGOGNATEVI

  8. Il fatto “cittadini impauriti riparano negli esercizi commerciali”…….se questi decidono di prendersi tutto lo fanno!!!!!!…per rispondere al demente sopra…la nostra delinquenza è la nostra,di feccia e marciume che viene da fuori non ne’ abbiamo proprio bisogno,basta quel che abbiamo…siccome questa accozzaglia clandestina ha capito il nostro sistema,ci sguazza a meraviglia..nel loro paese d’origine gli tagliano le mani e i piedi.Ci scandalizziamo quando le forze dell’ordine garantiscono l’ordine per davvero da orde di clandestini,magnafranco,sfaccendati e zecche varie,pronti a puntare il dito contro i metodi di polizia e carabienieri,ma pronti a lamenti stomachevoli quando la nostra effimera tranquillita’ viene violata……reagite se avete i coglioni o zitti e mosca facendovi cagare in testa…..l’orgoglio dell’appartenenza lo prova chi combatte e non si piega

  9. Sono anche io sono d’accordo con stanco; Per Lr, qui nessuno dice che gli italiani so meglio,anzi siamo un popolo di M…,e proprio per questo ci bastano i nostri non vedo perché dovremmo accogliere anche la sporcizia degli altri,ci basta la nostra.

  10. Prorpio per questo bisogna finirla con questa ignoranza razzista. Qui il problema non straniero immigrato o italiano, ma di delinquenti e persone civili. Le persone vanno misurate in questo senso e non in base la provenienza…punire i delinquenti chiunque essi siano e premiare le persone corrette chiunque esse siano.

  11. Smettila di fare il buonista meridionale, alza le chiappe e fatti un viaggio nella civilissima Francia, Germania,Austria,Olanda e Spagna cosi vedi come trattano gli stranieri che non sono in regola.Ti voglio ricordare che l’anno scorso alcuni extracomunitari dall’Italia passarono clandestinamente in Francia e Germania ebbene i ben pensanti francesi e tedeschi subito c’è li hanno rispediti. LR,se ti senti un benefattore di civiltà,accogli questi poveracci a casa tua.
    Simpatizzante di Le Pen.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.