TAR Lazio dichiara illegittime modalità di verifica dell’INPS su falsi invalidi. Parisi (Anffas): “Ora controlli anche a Salerno”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
invalidiLo scorso 9 aprile il Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) del Lazio, attraverso la sentenza 3851/14, si è pronunciato su un giudizio avviato dallANFFAS nazionale con l’intervento di supporto (ad adiuvandum) della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), contro una serie di messaggi e circolari con cui lINPS, tra il 2011 e il 2012, aveva disciplinato i controlli sui cosiddetti falsi invalidi” per 500.000 persone. Giunta dopo ben tre anni di dura battaglia nelle aule giudiziarie, tale sentenza riconosce che le modalità adottate dall’INPS per le verifiche straordinarie sono state «illegittime e lesive dei diritti delle vere persone con disabilità» e sconfessa ancora un volta anche i dati forniti dall’Istituto in materia.

L’INPS, a partire dal 2011, dopo avere effettuato 300.000 controlli nei due anni precedenti anche contraddicendo le garanzie previste dalla normativa statale, ha modificato progressivamente le modalità delle verifiche straordinarie, stabilendo di far rientrare, nei controlli a campione, anche gli invalidi. Così facendo, il numero delle revoche, alla fine dei controlli “straordinari”, è risultato artificiosamente elevato: sono state cioè sommate anche le posizioni comunque già considerate rivedibili e, in larga misura, destinate a revoca. Si sarebbero dovuti effettuare, secondo le due associazioni nazionali, ben altri controlli, oltreché, ad esempio, evitare di visitare persone da decenni ricoverate in strutture a causa della loro disabilità, sicuramente non “falsi invalidi”, con tutti i gravosi, inutili e ulteriori costi delle visite per l’INPS, oltre ai disagi per i cittadini.

I dati finali, come pure la millantata incidenza dei cosiddetti “falsi invalidi” effettivamente individuati dall’INPS, sono così risultati “gonfiati” e forieri solo di costi per l’Amministrazione, che sembrano addirittura aggirarsi intorno ai 30 milioni di euro. Il TAR del Lazio ha accolto anche gli ulteriori rilievi di ANFFAS e FISH circa la non equiparabilità tra le visite di revisione ordinaria, di competenza prioritaria della Commissione ASL (primo punto di riferimento territoriale per i cittadini), e quelle straordinarie di competenza esclusiva dell’INPS. Con tale modalità imposta dall’Istituto, infatti, è stata impedita la visita presso le Commissioni ASL più vicine ai cittadini, costringendoli, per la revisione ordinaria, anche a trasferimenti di decine e decine di chilometri da casa e non garantendo quel doppio controllo che evitasse le sviste di una sola commissione. E ancora, il TAR ha appurato che è mancata la tutela alle persone con disabilità intellettiva e/o relazionale: infatti, mentre i medici nominati dall’ANFFAS erano presenti nelle Commissioni ASL, essi erano esclusi dalle verifiche straordinarie dell’INPS, lasciando pertanto prive di specifica tutela le persone con questi tipi di disabilità.

Salvatore_Parisi_ANFFAS_Salerno“Al momento – afferma il Coordinatore regionale Anffas e Presidente dell’Anffas di Salerno – sono in corso attenti approfondimenti sulle ricadute dirette per le persone con disabilità che si sono viste revocare le provvidenze economiche in forza di quelle disposizioni amministrative dichiarate ora illegittime. I controlli riguarderanno, naturalmente, anche il nostro territorio regionale e provinciale. «L’interesse – conclude Parisi – non è certo quello di contrastare l’individuazione dei “falsi invalidi”, ma di fare in modo che siano rispettati i diritti fondamentali delle vere persone con disabilità e che i controlli siano condotti con le opportune garanzie, in modo efficace e mirato, evitando inutili disagi e vessazioni”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.