Consulta Provinciale degli Studenti: Il ruolo dell’insegnante

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
consulta_provinciale_studentiDocenti,  semplici eruditi o pedagoghi? Studenti, spugne insensibili o intelligenze attive? Sono questi gli spunti sui quali costruirsi un’idea di quello che oggi è il rapporto insegnante-alunno. Ciò che rende la scuola piacevole e indimenticabile è sicuramente l’insieme dei rapporti umani intrecciati durante il proprio percorso, che, per emulazione o per antitesi, ci ha fatto crescere, capire, migliorare. Però quanto farebbe piacere ad un giovane essere avvisato prima di bruciarsi giocando col fuoco?

Il ruolo dell’insegnante viene sottovalutato dalla società, dalle famiglie, dai docenti stessi. Sarà per la scarsa retribuzione, sarà per il livello della scuola pubblica italiana, i docenti hanno perso la consapevolezza del ruolo pedagogico prima che culturale caratterizzante il loro “mandato”. Un docente non può limitarsi alla lezione frontale e al voto post interrogazione.

Un docente è qualcosa di più. Perché il docente è quel professionista che capisce la persona che ha di fronte e la sa valorizzare ed educare grazie ad una serie di leggi non scritte che, forte della propria esperienza scolastica e culturale, gli permetterebbe di capire e comportarsi così da preparare lo studente al mondo lavorativo e alla vita. Attenzione a scambiare il ruolo del docente con l’idea di difensore e protettore della causa giovanile. È proprio a causa di una continua ovattatura che gli studenti arrivano immaturi alle prove della vita.

Sarebbe necessario vivere nell’aurea mediocritas. Rigidità e comprensione. Inflessibilità e sostegno. Intransigenza e sensibilità. Importante è il ruolo che il docente ha nella forma mentis del giovane cittadino. La scuola non è la vita, ma una parte limitata delle giornate di giovani che fanno coincidere, in cinque ore, speranze, ambizioni e obbiettivi propri di un mondo esterno a quell’edificio, e quindi sconosciuto e inequivocabilmente influente. Il docente che limita i confini del proprio lavoro a quattro mura non ha ragione di esistere. Si avverte fra i docenti di oggi un sentimento di frustrazione dovuto al non riconoscersi in un sistema che sicuramente li sottovaluta e demotiva.

Ma quale risposta migliore della voglia, della determinazione e della passione per la cultura, può dare chi per la cultura ha speso una vita di sacrifici? Gli uomini di domani sono nel lavoro dei docenti di oggi. Non rovinatevi. Non rovinateci.

Michele Del Vecchio Consulta Provinciale degli Studenti Commissione Edilizia Scolastica

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.