Primo Maggio per pochi intimi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Pelizza_da_VolpedoQuando Pellizza da Volpedo dipinse, all’inizio del secolo scorso, la celebre Camminata dei Lavoratori, meglio nota come “Quarto Stato”, mai avrebbe immaginato che quell’incedere verso la luce di operai, contadini ed intere famiglie con donne e bambini in primo piano avrebbe perso quasi totalmente la sua forza propulsiva a distanza di poco più di cento anni. Dove sono finiti i lavoratori veri? Perché in tanti, ormai, disertano il corteo del primo maggio?

Dov’erano quelli che sgobbano e spesso non si vedono più neanche agli scioperi generali? Sono diverse, le possibili risposte: la prima sta nel fatto che oggi che ha un lavoro se lo tiene stretto e non ha neanche il tempo di festeggiarlo, perchè lavora anche il primo maggio. La seconda risposta, ovvia, sta nella sfiducia dei disoccupati verso chi li dovrebbe rappresentare che include, oltre alla politica ed ai partiti, anche le organizzazioni sindacali.

La terza, non meno probabile risposta, sta nel fatto che la liturgia del primo maggio con la sfilata stanca, le solite facce e le bandiere stiracchiate attira ormai solo i pensionati che in questo giorno fanno rivivere i ricordi ed i militanti che sperano in una nuova stagione dei diritti, mentre non mancano coloro che si fanno il corteo solo per atto di presenza o perché a caccia di consensi.

Insomma, il primo maggio sembra ridursi a puro esercizio autoreferenziale, laddove è palese il cortocircuito con la stragrande maggioranza dei lavoratori, con i disoccupati, con quelli che non hanno mai lavorato e non si sentono rappresentati.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.