Fonderie Pisano di Salerno: i Cittadini consegnano un documento alla Regione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
fonderie_pisano-E’ nel passaggio in cui si ricordano i reati patteggiati dal titolare delle fonderie di Fratte che si evidenzia l’emergenza ambientale che vivono i cittadini della Valle dell’Irno. Nel documento, consegnato in mattinata all’assessore all’Ambiente della regione Campania, il comitato “Salute e Vita” ricorda che con una sentenza del 2007 del Tribunale di Salerno l’imprenditore Pisano ha patteggiato la pena diversi reati ambientali: tra questi  “abbandono di rifiuti speciali pericolosi; scarico di acque industriali nel fiume Irno senza autorizzazione;  superamento dei limiti soglia per piombo, rame e zinco; scarico sul suolo di acque meteoriche miste alle polveri derivanti dall’attività prodotta; realizzazione  d’impianti  produttori  di  fumi  in  atmosfera senza autorizzazione ed emissioni di gas e polveri atti a molestare le persone presenti in zona”.

«Un disastro per la salute dei cittadini e per la salvaguardia del territorio» ricorda il portavoce del comitato Lorenzo Forte che. come tutti gli altri residenti della zona, «auspica che il problema sia risolto in maniera definitiva con la delocalizzazione in tempi certi delle Fonderie in un’area industriale». Il documento consegntato all’assessore regionale indica i primi passi da compiere per  dare «un reale segnale d’interesse da parte della regione Campania». Il primo: la predisposizione di un tavolo tecnico di monitoraggio ambientale formalizzato da una delibera della Giunta Regionale, a cui siedano i dirigenti della Regione Campania, del Comune di Salerno, dell’ASL, i responsabili del Parco Urbano dell’Irno ed i cittadini.

A ciò si aggiunge un programma di monitoraggio della salute pubblica. Il comitato chiede, poi,  l’adeguamento della rete di rilevamento della qualità dell’aria con l’installazione in zona Fratte di una centralina di rilevazione stabile e che il monitoraggio sia esteso anche alle acque e ai sedimenti del fiume Irno, nonché sui terreni limitrofi. Altra richiesta fatta alla regione riguarda la scelta di un’area prossima alla Fonderia messa a disposizione dal comune di Salerno dove installare una centralina mobile di rilevamento dell’aria ed infine pretende la pubblicazione dei dati delle rilevazioni ambientali.

Fonte LIRATV

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.