Musica: al concerto del 1° Maggio il rap del salernitano Rocco Hunt infiamma la piazza

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
rocco_hunt_cantaNon è più il concertone di una volta, non ci sono i leaders sindacali, non ci sono i big impegnati della musica. Ma è sempre l’appuntamento del primo maggio e si fa politica. “Non vogliamo elemosine da 80 euro, vogliamo lavoro». L’attacco di Piero Pelù in piazza San Giovanni a Matteo Renzi è diretto: «Il non eletto, ovvero il boy-scout di Licio Gelli, deve capire che in Italia c’è una grande guerra interna, e si chiama disoccupazione, corruzione, voto di scambio, mafia, camorra, ‘ndrangheta. Il nemico è dentro di noi, forse siamo noi stessi. Gli unici cannoni che ammetto sono quelli che dovrebbe fumarsi Giovanardi».Questa è solo una delle “posizioni forti” manifestate al Primo Maggio organizzato dai sindacati confederali, davanti a una folla che riempie piazza San Giovanni già dalla tarda mattinata. Alle 21 c’era una platea di 700mila persone, e un’ora dopo erano già un milione. Uno dei momenti più toccanti ha per protagonisti gli Statuto che ricordano le vittime della Thyssen Krupp e chiedono anche «un applauso per Patrizia Moretti, la mamma di Federico Aldrovandi per il coraggio con cui sta affrontando il dolore». I Modena City Ramblers che ricordano Enrico Berlinguer e le provocatorie battute di Dario Vergassola.

Dopo il gran rifiuto dell’anno scorso a Fabri Fibra, quest’anno il rap si impossessa del Primo Maggio: cinquanta minuti dedicati all’hip hop con Clementino e Rocco Hunt che hanno fatto arrivare da tutt’Italia i loro amici rapper. Il rapper salernitano intorno alle 21.45 prende possesso del palco e dalla platea arriva il boato: si attacca con “Senza chances” per proseguire con “Devo parlare“, per il quale sotto i riflettori appare Noyz Narcos, che in ambito hip hop all’ombra del Colosseo è un’istituzione. Il set è serrato: a “Vieni con me” – del lotto la più ballabile, fino a questo punto – viene ovviamente concesso più spazio, in termini di minutaggio, ma i pezzo forte arriva strategicamente in chiusura – ovviamente – con “Nu juorno buono“, il brano sanremese che ha spedito l’MC salernitano in vetta alle chart. “Ci vediamo dopo“, anticipa lui lasciando la scena a Clementino, che attacca – accompagnato da DJ Tayone – con “Fratello“, e prosegue con un medley di “Alto livello“, “Buenos Aires/Napoli“, per poi portare – virtualmente – sul palco l’ostracizzato dello scorso anno, Fabri Fibra, per “Ci rimani male“.

Per “E’ normale” al microfono si aggiunge anche Paura – con Clementino e Tayone nei Videomind, poi si torna al repertorio di “Rapstar” con “La luce“. Il set è probabilmente il più lungo concesso nell’edizione 2014 del concertone. “Chimica brother” viene dedicata a Fibra – “Questo è per la liberta d’espressione“, dice il rapper, riferendosi all’esclusione del sodale dello scorso anno. “Noi rapper ascoltiamo anche gli altri artisti: sono vent’anni dalla morte di Kurt Cobain”, dice Clementino, e parte, come omaggio, la base di “Smells like teen spirit” dei Nirvana: sul ritornello – inevitabilmente – la piazza esplode. Un climax studiato ad arte che culmina con il ritorno sul palco di Rocco Hunt per “Capocannonieri” e “O’ mare e o’ sol“, prima del gran finale affidato dal solo Clementino al levare di “O’ vient” e alla cassa in quarti di “Clementonik“. E, a giudicare dalla risposta della piazza, i vincitori della giornata parrebbero proprio essere loro.Senza alcun cenno da parte dei conduttori dal palco, i Bastian Crontrario vengono nominati vincitori dell’edizione 2014 dell’1MFestival.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.