Sanità: Caldoro, “Pretendere da Governo sblocco turn over. Riparto fondi? Non escludo ricorso europeo”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
caldoro_arrabbiato“Dobbiamo pretendere dal Governo lo sblocco del turn over. Dobbiamo chiederlo con forza, anche sbattendo il pugno”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania e commissario per la Sanita’ Stefano Caldoro in occasione della cerimonia del giuramento di Ippocrate di 350 nuovi medici napoletani. Uno sblocco che – ha ricordato Caldoro – ”ci spetta per i risultati raggiunti”. La Regione Campania, infatti, con un anno di anticipo ha raggiunto il pareggio di bilancio nella Sanità e un attivo di 6 milioni di euro. Ma non solo. Il presidente Caldoro ha riportato alla sala i dati del ministero della Salute secondo cui la Campania ha raggiunto un incremento del 10 per cento per quanto riguarda i livelli essenziali di assistenza e di organizzazione.

Altro traguardo della Regione, la riduzione da 427 giorni a 168 per i pagamenti dei fornitori e degli erogatori sanitari convenzionati. Una riduzione che ”avvicina” la Campania alla media nazionale che si attesta sui 100 giorni, traguardo che Caldoro auspica di raggiungere nel 2015. Secondo i dati riportati dal presidente della Regione, in Campania operano nella Sanita’ 50mila dipendenti tra personale medico, sanitario e amministrativo rispetto a un fabbisogno di 60mila unità. ”Oggi che abbiamo le carte in regola – ha proseguito Caldoro – realizziamo insieme una buona sanità e dimostriamo che la Campania può essere prima in Italia”.

Il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro non esclude il ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo per la corretta applicazione della legge nazionale relativa al riparto del Fondo per la sanità. Caldoro ha sottolineato che ”il diritto alla salute è un diritto costituzionale e individuale che va tutelato e per cui il fabbisogno sanitario va calcolato sulla singola persona”. Esiste, ha ricordato, una legge nazionale per cui il riparto dei fondi sanitari non va calcolato avendo come parametro solo l’anzianità della popolazione, parametro che ”penalizza la Campania, regione più giovane d’Italia”.  Secondo il governatore, questo metodo ”è un errore. E’ fondamentale – ha affermato – tornare a un riparto che sia uguale per tutti. E’ necessario rispettare tutti i parametri previsti per legge” come la popolazione anziana, la mortalità delle diverse zone, l’epidemiologia e i fattori socio economici. ”Ritengo – ha aggiunto Caldoro – che il riparto delle risorse sanitarie debba essere pro capite”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.