Scuola: studenti boicottano test Invalsi in alcune città. Proteste anche a Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
scuolaIn tante scuole italiane gli studenti stanno boicottando i test Invalsi con scioperi bianchi, presidi, flash mob e assemblee. A renderlo noto è la Rete della Conoscenza, che spiega che in questi giorni striscioni, volantini e manifesti hanno invaso le scuole di tante città italiane, accompagnate da quelli contro i test d’ammissione all’università che, dicono gli studenti, “ricalcano la medesima logica escludente degli Invalsi”. “Valutati, non schedati!” è lo slogan che si legge a Roma, Milano, Siena, Pisa, L’Aquila, Genova, Napoli, Salerno, Bari, Torino, Catania, Cagliari e in tanti altri centri.

A Milano ieri, per protestare contro i test, è stato occupato anche il Teatro Lirico. Gli studenti si rifiutano di compilare a testa bassa dei test di cui non condividono né la natura né lo scopo. “Abbiamo deciso di disobbedire, di rifiutarci di sottoporci ad un meccanismo di valutazione escludente e ingiusto che mira a rendere la scuola pubblica sempre più a servizio delle logiche manageriali.

Valutare non può significare schedare, mettere in classifica, favorire la competizione tra scuole e studenti, indirizzare e svilire la didattica rendendola un semplice bagaglio di nozioni da digerire per affrontare i test – afferma Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell’Unione degli Studenti – siamo l’unico Paese in Europa che somministra agli studenti in maniera censuaria e non campionaria dei test assolutamente inutili, che non tengono conto delle condizioni sociali ed economiche degli studenti e che aprono pericolosamente le porte a dei criteri premiali per le scuole che eccellono. A fronte di tutto ciò riteniamo veramente inaccettabile che si spendano 16 milioni di euro per finanziare questo strumento di valutazione dannoso e inutile”.

L’IRONIA SUL WEB. “Comincia la prova di matematica, quella in cui si improvvisa di più in uno spettacolo senza copione”; “Al questionario mi sono piegata in due dalle risate ed ho risposto con sincerità; “Abbiamo avuto fascicoli diversi ma il contenuto era uguale..che stregoneria è mai questa?”. “Matematica era ostrogoto antico, ho consegnato, inutile provarci”.

Sono alcuni dei numerosissimi tweet postati dagli studenti italiani delle superiori oggi alle prese con i test Invalsi. Un grande classico, che torna tutti gli anni – fa sapere Skuola.net – è l’espressione artistica di quanti, penna alla mano, hanno disegnato sul plico vignette divertenti o anche solo fiorellini e nuvolette. Poca la vena polemica, in molti casi spicca l’ironia dello studente: alla domanda relativa alle precipitazioni mensili, ad esempio, c’è chi ha disegnato una bambina stilizzata con tanto di ombrellino sotto una nuvoletta gonfia di pioggia. Non mancano notti stellate e scarabocchi incomprensibili. Polemiche e irriverenti, non sono mancate neanche le frecciatine a chi ha stilato il test.

A cominciare dall’indicazione che impone di “non girare pagina finché non ti sarà detto di farlo” a cui è stato risposto con piglio: “Dobby non ha padroni, Dobby è un elfo libero” e ancora “non girare il foglio altrimenti arrivano i partigiani in classe”. Alla domanda “metti una sola crocetta” tra maschio e femmina i ragazzi si sono scatenati. Per l’indicazione del sesso, infatti, sono arrivati commenti del tipo: “pensavo di metterne due”, oppure “sono un periodo di transizione” e ancora “signori e signore, pensavo fossimo ibridi”.

Qualcuno ha aggiunto una nuova voce “trans”, su cui inevitabilmente è andata a finire la crocetta. Infine c’è un personaggio che si è aggiudicato il podio sul personaggio Invalsi 2014: è Nello, citato nella prova di italiano al fianco di Bene, su cui arrivano tweet da tutta Italia: “No cari miei non mi fate questo, di zio Nello ce n’è uno solo” oppure il personaggio è stato appellato in maniera poco gentile con la rima “Nello er put..nello”. Grande notorietà anche per “Bene”, molti ammettono “mica avevo capito che era un nome” oppure “ditemi che razza di persona chiamerebbe suo figlio: Bene?”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.