Terra Fuochi: in ex cava 300 mila tonnellate rifiuti 3 imprenditori indagati

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Incendio_rifiuti_rogo_terra_dei_fuochiE’ una bomba ecologica in mezzo a terreni coltivati ed a poca distanza dai centri abitati l’ ex cava di tufo Monti a Maddaloni (Caserta), in piena ‘Terra dei Fuochi’, sequestrata questa mattina dal Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, che ha disposto i sigilli anche per 40 pozzi situati in un raggio di 500 metri dal margine esterno del sito. L’indagine – coordinata dal Procuratore Aggiunto di Santa Maria Capua Vetere Raffaella Capasso e dai pmi Giacomo Urbano e Federica D’Amodio – ha portato all’iscrizione nel registro degli indagati, per disastro ambientale e corrompimento delle acque, 3 imprenditori, due di Napoli ed operanti nel settore rifiuti, l’altro di Maddaloni.

Dieci dei pozzi sequestrati servono agli esercizi commerciali della zona, che ora non potranno piu’ usare l’acqua per motivi
alimentari o di igiene personale, gli altri 30 sono per l’irrigazione dei terreni agricoli. ‘Dalle prime analisi degli ortaggi – ha pero’ rassicurato la Capasso – i valori sono risultati nella norma, per cui non c’e’ alcuna contaminazione in atto, ma nei prossimi giorni faremo
altre analisi’. Entro qualche giorno e’ probabile che il sindaco Rosa De Lucia emetta un’ordinanza di divieto della coltivazione
nella zona. In totale, tra gli anni ’80 e ’90 sarebbero stati sversati e ‘tombati’ nella ex cava quasi 300 mila tonnellate di
rifiuti solidi e urbani e speciali altamente pericolosi per la salute umana, come si evince dalla sequenza di foto aeree
scattate dall’Istituto geografico militare italiano di Firenze e dalle dichiarazioni di alcuni pentiti di camorra.
Le analisi dell’ acqua della falda, del terreno e dell’aria hanno poi confermato i sospetti.

I recenti esami dell’ Arpac, l’ agenzia regionale per l’ ambiente, hanno evidenziato valori di contaminazione superiore rispetto al 2009, ma determinante e’
stata soprattutto la consulenza tecnica svolta dal geologo incaricato dalla Procura Giovanni Balestri, che ha accertato la
presenza nella falda in misure ampiamente superiori ai livelli di legge di arsenico, di metalli pesanti come il manganese, la
pirite, il piombo contenuto in migliaia di batterie; le analisi hanno inoltre rilevato la presenza nel terreno di oltre 30mila
tonnellate di percolato, residuo dei rifiuti solidi urbani, e l’emissione nell’atmosfera di una quantita’ elevata di fenoli,
che danno luogo alle cosiddette fumarole, veri e propri ‘sbuffi’ di gas tossico ben visibili dalla Strada Statale che collega
Caserta a Maddaloni. (Fonte ANSA).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.