Rifiuti: a Castel San Lorenzo (SA) incontro tra i sindaci dell’Unione dei Comuni “Alto Calore”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Riunione_Sindaci_CilentoIl comune di Castel San Lorenzo ha ospitato un incontro promosso dal presidente dell’Unione dei Comuni “Alto Calore”, Maurizio Caronna, per discutere del riordino del servizio di gestione dei rifiuti, alla luce della legge regionale n. 5/2014 che, a partire dal 1° luglio prossimo, affida ai comuni la gestione dell’intero processo di gestione. La legge prevede che la gestione dei rifiuti sia organizzata all’interno degli A.T.O. (Ambiti Territoriali Ottimali) e che i comuni di ciascun A.T.O. debbano esercitare in forma associata il servizio. Inoltre, in base alla legge, in merito allo spazzamento, alla raccolta e al trasporto dei rifiuti, ciascun A.T.O. può essere articolato in aree omogenee, denominate Sistemi Territoriali Operativi (S.T.O.). I comuni coinvolti, essendo parte di un territorio omogeneo e con identiche tipicità possono far parte di un unico S.T.O.

Infatti all’incontro hanno partecipato, oltre a Gennaro Capo, che ha fatto gli onori di casa, e Maurizio Caronna, primo cittadino di Felitto, che ha presieduto la riunione, anche  i sindaci di Bellosguardo, Geppino Parente, Castelcivita, Antonio Forziati, Controne, Nicola Pastore, Laurino, Gregorio Romano, Magliano Vetere, Carmine D’Alessandro, Monteforte Cilento, Antonio Manzi, Piaggine, Guglielmo Vairo, Roccadaspide, Girolamo Auricchio, Roscigno, Armando Mazzei, Sacco, Claudio Saggese, Stio Cilento, Natalino Barbato, e Trentinara, Rosario Carione. La riunione è stata convocata per “pianificare i nuovi assetti organizzativi e gestionali relativi alla gestione dei rifiuti urbani, così come previsto dalla norma regionale”.

Al termine dell’incontro è stato preso atto che occorre quanto prima approvare nei vari comuni, la convenzione predisposta dalla Regione Campania; dovranno essere attivate le procedure per la costituzione dello S.T.O., che potrebbe essere denominato “Valle del Calore-Cilento”. Il passo successivo sarà quello di elaborare uno studio di fattibilità che definisca i costi di ogni singolo comune per poter determinare tariffe differenziate; al termine della riunione è stato stabilito che il rappresentante dello STO sarà il sindaco del comune più popoloso della zona, ossia Roccadaspide.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.