Sanità: i mini ospedali che chiudono: l’elenco completo. Scafati ed Agropoli nel salernitano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Ospedale_Ruggi_infermieri_corsiaSono 72 le strutture ospedaliere  con meno di 60 posti letto destinate a chiudere in Italia, per un totale di 2837 posti letto in meno. La regione con più strutture in via di chiusura è la Sicilia, dove sono 23 i presidi ospedalieri per 946 posti letto in meno. Segue la Lombardia, con 10 strutture e 355 posti letto. Il Patto per la Salute prevede infatti il taglio di ospedaletti e mini cliniche, lo stop al rimborso delle prescrizione “inappropriate” e la riforma del ticket, che pagheranno tutti ma sarà meno caro. Un patto che il ministero della salute sarebbe pronto a chiudere entro giugno.

Oltre al taglio degli ospedaletti, spiega Paolo Russo su La Stampa, novità arrivano dunque anche sui ticket: “Metà degli italiani è esente dal ticket e sono quelli che consumano l’80% delle prestazioni sanitarie. In compenso chi li paga si svena per visite specialistiche e diagnostica, alle quali, per questo motivo, rinunciano ogni anno 6 milioni di italiani. Di qui l’idea, ancora da mettere nero su bianco, di ridurli drasticamente, rivedendo però le esenzioni, non più agganciate al reddito Irpef, che premia gli evasori, ma a quell’indicatore più reale della ricchezza che è l’Isee. Corretto in questo caso premiando chi ha più familiari a carico, anziani e malati cronici. Questi ultimi non sarebbero però più esentati se hanno un reddito Isee alto”.

Ecco l’elenco delle strutture ospedaliere destinate a chiudere:

Piemonte: 2 stabilimenti, 74 posti letto in meno

-Oftalmico: 44 posti letto;

-Evangelico Valdese: 30 posti letto;

Lombardia: 10 stabilimenti, 355 posti letto in meno

– Ospedale di Cuasso al Monte: 58 posti letto;

– Ospedale di Circolo Umberto I a Bellano: 42 posti letto;

– Ospedale civile di Morbegno: 47 posti letto;

– Ospedale Crotta Oltrocchi a Vaprio D’Adda: 20 posti letto;

– P.O. Anastasi Zappatoni a Cassano d’Adda: 46 posti letto;

– Ospedale di Circolo Serbelloni a Gorgonzola: 29 posti letto;

– Ospedale F.M. Passi a Calcinate: 58 posti letto;- Ospedale di Leno: 16 posti letto;

– Presidio Ospedaliero di Salò: 15 posti letto;

– Ospedale Ss. Annunziata a Varzi: 24 posti letto;

Provincia autonoma di Bolzano: 2 strutture, 109 posti in meno

– Ospedale di base di Vitipeno: 58 posti letto;

– Ospedale di base di San Candido: 51 posti letto;

Emilia Romagna: 1 struttura, 22 posti letto in meno

-Ospedale Bobbio: 22 posti letto;

Marche: 1 struttura, 59 posti

– Ospedale Ss Donnino e Carlo: 59 posti letto;

Toscana: 5 strutture, 231 posti letto in meno

– P. O. S. Maria Maddalena a Borgo San Lazzaro Volterra: 55 posti letto;

– Ospedale del Casentino a Bibbena: 57 posti letto;

– Ospedale della Valtiberina a Sansepolcro: 54 posti letto;

– Ospedale civile di Castel del Piano Grosseto: 39 posti letto;

– P. O. Amiata Senese a Abbadia San Salvatore: 26 posti letto;

Lazio: 6 strutture, 168 posti letto in meno

– Ospedale di Acquapendente: 8 posti letto;

– Ospedale Regionale Oftalmico a Roma: 14 posti letto;

– Ospedale Villa Albani ad Anzio: 35 posti letto;

– Ospedale Ariccia: 25 posti letto;

– Ospedale Padre Pio di Bracciano: 58 posti letto;

– Centro Paraplegici Ostia Gennario di Ro a Roma: 28 posti letto;

Abruzzo: 3 strutture, 134 posti letto in meno

– P.O. Castel di Sangro: 37 posti letto;

– P.O. Tagliacozzo Umberto I: 40 posti letto;

– P.O. M. Ss. Immacolata di GuardiaGrele: 57 posti letto;

Campania: 6 strutture, 247 posti letto in meno

– P.O.S. Alfonso Maria Dè Liguori Sant’Agata dé Goti: 57 posti letto;

– Ospedale di Bisaccia: 50 posti letto;

– P.O. Mauro Scarlato Scafati: 43 posti letto;

– Ospedale Civile Gaetanina Scotto a Procida: 6 posti letto;

– Ospedale Civile di Agropoli: 45 posti letto;

– P.O.S. Felice a Cancello: 46 posti letto;

Basilicata: 1 struttura

– P.O. di Chiaromonte

Calabria: 4 strutture, 167 posti letto in meno

– Ospedale Civile San Giovanni in Fiore Cosenza: 52 posti letto;

– P.O. Tropea: 40 posti letto;

– P.O. Serra San Bruno: 28 posti letto;

– P.O. Giovanni XXIII a Gioia Tauro: 42 posti letto;

Sardegna: 8 strutture, 281 posti letto in meno

– Ospedale Marino Regina Margherita ad Alghero: 43 posti letto;

– P.O. Paolo Merlo a La Maddalena: 30 posti letto;

– P. O. C. Zonchello a Nuoro: 44 posti letto;

– P. O. San Camillo a Sorgono: 36 posti letto;

– P.O.S. Giuseppe a Isili: 34 posti letto;

– P. O. Cto a Iglesias: 36 posti letto;

– P.O. San Marcellino a Muravera Cagliari: 36 posti letto;

– P. O. Microcitemico a Cagliari: 22 posti letto;

Sicilia: 23 strutture, 946 posti letto in meno

– P.O. F.lli Parlapiano a Ribera: 36 posti letto;

– P. O. M. Immacolata Longo a Mussomeli: 47 posti letto;

– P. O. Maddalena Raimondi a San Cataldo: 43 posti letto;

– P. O. Santo Stefano a Mazzarino: 25 posti letto;

– P. O. Suor Cecilia Basarocco a Niscemi: 41 posti letto;

– S. Giovanni di Dio e S. Isidoro a Giarre: 35 posti letto;

– P. O. Maria Ss. Addolorata a Biancavilla: 52 posti letto;

– P. O. Castiglione Prestianni a Bronte: 51 posti letto;

– P. O. Ss. Salvatore a Paternò: 55 posti letto;

– P. O. Basso Ragusa Militello in Val di Catania: 47 posti letto;

– P. O. M. Chiello a Piazza Armerina: 51 posti letto;

– P. O. Ferro-Capra-Branciforte a Leonforte: 57 posti letto;

– P. O. Lipari: 25 posti letto;

– P. O. Dei Bianchi Corleone: 58 posti letto;

– P. O. Madonna dell’Alto a Petralia Sottana: 38 posti letto;

– Ospedale Regina Margherita a Comiso: 46 posti letto;

– Ospedale Busacca a Scicli: 51 posti letto;

– P. O. Trigona a Noto: 54 posti letto;

– P. O. A. Rizza a Siracusa: 24 posti letto;

– Ospedale San Vito e Santo Spirito ad Alcamo: 50 posti letto;

– P. O. B. Nagar a Pantelleria: 18 posti letto;

– P. O. Abele Ajello a mazara del Vallo: 18 posti letto;

– P. O. Vittorio Emanuele III a Salemi: 24 posti letto.

 Fonte BlitzQuotidiano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.