Pellezzano: incontro sulla legalità con il Presidente onorario della Suprema Corte di Cassazione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
progetto_legalità_pellezzanoIntrigo internazionale: le verità indicibili. Se ne è ha parlato a Pellezzano con Rosario Priore, Presidente onorario della Suprema Corte di Cassazione di Roma, in occasione del convegno di chiusura del corso di educazione alla legalità nella scuola media. L’ evento realizzato dal Comune di Pellezzano, con il patrocinio dell’Ordine degli Avvocati di Salerno, è stato aperto con i saluti del Sindaco Carmine Citro,  del Presidente del Consiglio Comunale, Eva Longo, dell’Assessore  alla Cultura e alle Politiche per la Scuola Giovanni D’Agostino  e della dirigente scolastica Giovanna NazzaroPriore è stato titolare dell’istruttoria sulla strage di Ustica e di altri casi importanti come l’assassinio di Aldo Moro e l’attentato a Papa Wojtyla.

A Pellezzano,  si è soffermato sul tema delle verità “indicibili”, accumulate negli anni 70′ e 80′. “Verità che, pur intuendole, intravedendole o addirittura a volte vedendole chiaramente, – ha spiegato – non potevano essere provate sul piano giudiziario”. E’ qui la chiave dei tanti misteri d’Italia: la verità che riguarda quegli anni tormentati è rimasta nascosta dietro le prove parziali. Per primo, il giudice Priore ha provato a dire “quell’indicibile” e a risalire alle ragioni che lo hanno determinato. Ai tanti depistaggi, condizionamenti, pressioni, informazioni negate, testimoni scomparsi contro cui, sempre, si sono scontrati i magistrati chiamati a indagare. Per rileggere gli avvenimenti egli ha sposato l’analisi di Giovanni Pellegrino, per molti anni Presidente delle Commissioni parlamentari su Moro e sulle stragi, che puntava il dito soprattutto sulla “guerra fredda” e sullo scontro Usa-Urss che all’epoca condizionava il mondo. E, guardando al ruolo del nostro paese in quello scenario internazionale, incalzato da Fasanella, allarga lo sguardo alle “guerre sporche” combattute dall’asse franco-inglese contro l’Italia per l’egemonia del Mediterraneo.

Antonio Picci, docente dell’Università la Sapienza di Roma, esperto in terrorismo nazionale e internazionale, si è soffermato sullo scenario nel Mediterraneo dopo la strage delle Torri gemelle a New York. Gli interventi dell’avv. Paolo Glielmi, Coordinatore dell’Osservatorio sulla legalità e dell’avv. Vincenzo Cestaro, Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Salerno e di Rita Romano, direttore dell’ I.C.ATT di Eboli, hanno offerto lo spunto ad una serie di domande sulla legalità poste dai bambini. L’incontro è stato  moderato dalla giornalista Elena Liguori. “Anche quest’anno il progetto: “Educazione alla legalità, sicurezza e giustizia sociale ”, chiude con un bilancio molto positivo”, ha commentato il coordinatore  Massimo Lamonaca, Giudice Onorario Esperto presso il Tribunale di Sorveglianza di Salerno. L’iniziativa ha ricevuto l’encomio del Ministero della Pubblica Amministrazione e l’Innovazione.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.