Salernitana: l’allenatore del futuro dovrà praticare un gioco offensivo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Salernitana_Perugia_25_esultanzaDue cose non sono piaciute a Claudio Lotito della gestione Gregucci e potrebbero costare al tecnico il mancato rinnovo dell’accordo, che pure fino a due mesi fa sembrava non scontato ma molto probabile. L’integralismo tattico, che ha portato l’allenatore originario di San Giorgio Jonico ad utilizzare sempre lo stesso modulo (il 4-2-3-1), e la paura dimostrata nell’impostare la partita dei play off a Frosinone. I granata si sono presentati al Matusa con una sola punta e con un centrocampo foltissimo. L’intenzione iniziale era evidentemente quella di contenere i danni e la lettura del match da parte dell’allenatore non è stata capace di far cambiare passo alla Salernitana.

Questi sono gli errori principali che nel finale di stagione sono stati imputati all’allenatore, così come il mancato impiego di alcuni elementi in favore di altri (che non hanno mantenuto le attese). La Salernitana del prossimo anno dovrà imporre la propria legge: in una Lega Pro Unica (e in un girone meridionale che sarà simile ad un girone infernale) l’aspetto mentale conterà molto. E per questo motivo la proprietà del club granata (almeno una parte) vuole un allenatore in grado di imprimere un marchio offensivo, un’identità precisa alla squadra, che su tutti i campi (in casa e fuori, nelle partite importanti e contro le piccole) deve tentare di imporre il proprio gioco. Non è un caso che qualora saltasse il rinnovo di Gregucci (cosa che sembra sempre più probabile, anche ascoltando le parole dell’allenatore pronunciate ieri in piena libertà, per una volta senza schemi predefiniti nè metafore e pure in considerazione del fatto che l’attuale trainer granata difficilmente accetterebbe un ingaggio decurtato come accaduto a gennaio scorso), vengano accostati alla Salernitana i nomi di tecnici che negli ultimi anni sono riusciti a vincere campionati, facendo giocare alle rispettive squadre un calcio d’attacco: da Indiani ad Auteri passando per Toscano e Gautieri, tra gli altri. Il toto-allenatore è partito, la speranza è che non duri per tutto il mese di giugno, perchè per dare solidità al progetto, bisogna iniziare a lavorarci al più presto. L’esperienza negativa dello scorso anno, d’altronde, deve servire da insegnamento e non va assolutamente ripetuta.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.