Calcio: Figc chiude l’era delle comproprietà, via alla riforma dei campionati

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
FIGCBasta giocatori in comproprietà. La Federcalcio chiude un’era e, senza aspettare una presa di posizione chiara da parte della Lega di Serie A, mette fine a un istituto di gran voga in Italia. Dalla finestra di mercato che si aprirà a luglio, quindi, le società non potranno più acquistare giocatori in compartecipazione. “Resta la possibilità di rinnovare per un anno quelle ancora esistenti – ha spiegato il presidente della Figc, Giancarlo Abete, al termine del Consiglio federale – ma si tratta di una norma transitoria, l’istituto viene meno. Diamo il tempo tecnico per accompagnarne l’esaurimento”. “Non tutte le società erano favorevoli, anche se la maggioranza dei club della Lega di Serie A era d’accordo” ha quindi ammesso Abete, sottolineando che l’input allo stop non è partito dalla Lega “bensì da una proposta diretta da parte della Federazione. Abbiamo preso il coraggio a due mani: le comproprietà non saranno più possibili. Il messaggio di politica sportiva è molto chiaro”. “Abbiamo preso l’impegno che nei prossimi mesi verrà fatto un censimento della situazione – ha proseguito il n.1 della Figc – ma era evidente l’atipicità di questo istituto nel quadro normativo europeo, e anche in quello fiscale”.

Di sicuro se ne tornerà a parlare anche dopodomani (29 maggio) quando tutte le componenti interne del mondo del calcio italiano si riuniranno attorno a un tavolo per discutere del progetto di riforma dei campionati professionistici. “Sappiamo che resta un problema complesso, ma non esistono situazioni di preclusione e resta ferma la volontà da parte di tutti di diminuire il numero di società – ha ricordato Abete – Il Consiglio ha poi approvato una norma transitoria che consente di non bloccare al 30 giugno il termine dei lavori. Ci sarà invece la possibilità di andare avanti fino al 30 settembre, e le modifiche, nonché i criteri di promozione e retrocessione, deliberati entro questa data andranno in vigore nella stagione sportiva 2015/16″.

Sempre a settembre, ma il primo, è stata poi fissata anche l’assemblea statutaria. Sarà l’occasione, ha concluso Abete, “per discutere delle modifiche apportate dal Coni alla giustizia sportiva, del rilancio del calcio femminile, del sistema di governance della federazione, della riforma dei campionati e anche delle seconde squadre”. “Sono tanti argomenti e c’è la volontà da parte delle componenti di vedere se il nostro statuto federale può essere aggiornato – le sue parole – ottimizzato ed essere reso più funzionale alle esigenze che cambiano, con logiche meno vincolanti. E sarà oggetto di riflessione in tal senso anche il discorso legato alle partecipazioni societarie, che magari potrebbero essere l’alternativa alle seconde squadre”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. sempre pronti a fare gli interessi dei miliardari e la vergogna del vincolo dei giocatori dilettanti anche minorenni costretti al vincolo fino al compimento del 25 anno, su questo niente da dire signori dirigenti FIGC?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.