La crisi fa ingrassare. Obesità aumentata nei paesi OCSE dalla crisi finanziaria 2008

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
uomo_obesoObesità e sovrappeso si sono diffusi in maniera esponenziale a seguito della crisi finanziaria del 2008, tra i 34 membri dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo (OCSE) economico, secondo un rapporto pubblicato ieri martedì 27 maggio. In questo documento che sarà presentato in data odierna al Congresso Europeo sull’Obesità a Sofia ( Bulgaria ), l’OCSE sottolinea che più della metà degli adulti e un bambino su cinque risulta in media in sovrappeso nei paesi membri dell’Organizzazione. L’obesità è definita come un indice di massa corporea (BMI) maggiore di 30, mentre il sovrappeso è un BMI tra 25 e 30 negli adulti. Il BMI è calcolato tenendo conto delle dimensioni e del peso.  E anche se l’aumento dell’obesità è piuttosto rallentato negli ultimi cinque anni nei paesi OCSE, è schizzato in alcuni paesi durante la crisi economica del 2008-2009, che ha comportato una riduzione delle spese alimentari e aumento del consumo di prodotti a basso costo e ad alto contenuto calorico. Secondo il rapporto, ogni aumento dell’1% del tasso di disoccupazione negli Stati Uniti ha comportato una riduzione dei consumi del 5,6% di frutta e verdura tra il 2007 e il 2009.

Nel Regno Unito la spesa alimentare é diminuito del 8,5% in termini reali nel 2008-2009, ma non incidendo sul consumo di calorie, che al contrario è anche leggermente superiore. Uno studio australiano ha dimostrato che, da parte loro le persone colpite dalla crisi avevano un rischio maggiore di diventare obesi del 20% di quelli non colpiti. L’obesità, che é causa di malattie cardiovascolari, diabete e alcuni tumori, é un costo sociale e umano pesante per i paesi OCSE.Le persone con obesità grave muoiono, in media, dieci anni prima rispetto alle persone di peso normale, osserva il rapporto. La gestione del sovrappeso rappresenta una media del 3% della spesa sanitaria in diversi paesi, o tra il 5 e il 10% negli Stati Uniti.  Fino al 1980, meno di un decimo degli adulti erano obesi tra gli stati OCSE contro il 18% attuale.I paesi più colpiti sono il Messico, la Nuova Zelanda e Stati Uniti, dove ci sono in media oltre il 30% degli obesi.

Ma dopo aver sperimentato una crescita molto rapida nel 1990, la situazione si è stabilizzata e i tassi di obesità non sono aumentati in paesi come il Regno Unito, l’Italia e gli Stati Uniti.  In altri paesi, tuttavia, i tassi hanno continuato ad aumentare a un tasso del 2-3% annuo.  Si tratta di Australia, Canada, Francia, Messico, Spagna e Svizzera, dice l’OCSE.Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” i dati menzionati sono tutti da verificare anche in Italia, dove la crisi economica ha raggiunto il suo picco nel 2012-2013 e, quindi, non ci sarà da stupirsi se la verifica dell’aumento dei tassi di obesità anche per il nostro Paese arriverà con ritardo rispetto a quanto accaduto in altri stati dell’area OCSE dove la crisi ha manifestati i suoi maggiori effetti nel periodo preso in considerazione dal rapporto.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.